www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

In Tv si dibatte sull’EMERGENZA OMOFOBIA

3 commenti


Non contenta dell’impegno invernale quotidiano, Barbara d’Urso riempie i pomeriggi estivi con un nuovo programma di informazione e intrattenimento : “A gentile richiesta, su Canale 5. “Stiamo per entrare nelle vostre case… la sempre entusiasta Barbara ci invita ad assistere ad una nuova puntata del suo solito show.

Il talk show ricalcando il taglio a cui siamo abituati della  d’Urso, racconta storie di vita dei telespettatori, propone domande curiose e desideri dei protagonisti di tutti i giorni discusse con esperti, opinionisti e ospiti in studio.   Chi cerca l’amore, chi vuole ricorrere alla chirurgia estetica e altro ancora,  insomma gli interessi estivi del popolo italiano e poi  prendendo spunto dalla cronaca si cerca di toccare anche argomenti di notevole interesse e particolarmente delicati.

Il dibattito sull’omofobia ne è certamente un esempio,  gli ospiti aprono subito la discussione,  dichiarano che una società che non trova scandaloso che sia orientamento sessuale a fare la differenza è da considerarsi una società incivile.

L’invito è quello di interrogarci tutti sul perché ultimamente stiano aumentando le aggressioni omofobe, perché questo odio nei confronti di qualcuno considerato diverso da scelte eterosessuali.

Forse la risposta sta proprio nel fatto che la Tv diffonde un’immagine distorta dell’omosessualità, fatta di lustrini, trucchi eccentrici, paillettes e piume? In realtà il gay è l’inquilino della porta accanto, è il medico, il macellaio che incontriamo tutto i giorni. La Tv trasmette solo la ridicolarizzazione dei gay?  Anche i vari Gay Pride ovvero le manifestazioni dell’orgoglio omosessuale” contribuiscono alla spettacolarizzazione eccessiva, “sarebbe più opportuno scendere in piazza e dire NO alla violenza”, afferma con calore un’ospite, “sono gli stessi omosessuali che devono capire che le provocazioni distraggono dal vero problema”.

La parola tocca al giovane artista  Emilio Rez,  che racconta la sua avventura di sfrattato perché gay. Pagava regolarmente affitto e bollette, ma una sera al suo rientro si è trovato 6 sacchi dell’immondizia pieni delle sue cose, la porta sbarrata, il  cambio serratura e una serie di insulti omofobi

E su questa avventura abbiamo “l’onore” di sentire l’intervento del sindaco Buonanno che con la sua ben comprovata sensibilità esordisce: “quando viene picchiato un gay viene fuori un cinema…fate sempre le vittime…a uno vestito così non gliela dò la casa… se mi si presenta conciato così…(alludendo all’abbigliamento del sig. Emilio), deve fare una vita a posto se vuole una casa…non so io…ma come si presenta!

Questo singolo intervento ci mostra come i rappresentanti  delle istituzione abbiano ancora molta strada da percorrere. E’ abominevole, come il nostro paese  sia effettivamente ancora rimasto parecchio radicato su posizioni conservatrici. Presenza inquietante sulla scena politica italiana quella di un sindaco che insegna a discriminare invece di garantire uguali diritti indifferentemente dall’orientamento sessuale di ciascuna persona.

Sono costretta a dire al sindaco che sarebbe opportuno  non  discriminare per nessun motivo ne’ per orientamento sessuale ne’ per identita’ di genere tantomeno negli affitti delle case, bisogno primario per chi non ne possiede una.

3 thoughts on “In Tv si dibatte sull’EMERGENZA OMOFOBIA

  1. Pingback: In TV si dibatte sull’emergenza omofobia | www.nutrimente.org di Daniela Domenici

  2. ah, barbara d’urso e le sue crociate per i diritti umani.. come faremmo senza di lei!

    ormai il messaggio che passa è che i gay fanno le vittime, montano dei “teatrini” per nulla.. ma è realtà che la discriminazione in italia esiste, eccome, ed è radicata soprattutto tra i nostri politici, che è la cosa peggiore. c’è su repubblica.it un articolo in cui si racconta di come un ragazzo gay, donatore di sangue da 8 anni, sia stato scartato dal programma, dichiarando esplicitamente che l’ospedale non accetta sangue da maschi omosessuali.

    • Barbara sta a Loretta come Giacobbo sta a Cesco! Ottimi spunti per la riflessione della mentalità media italiana – detto questo per l’omosessualità discriminante purtroppo non ci diciamo nulla di nuovo, il diverso spaventa ed è diventato diverso grazie al massiccio intervento storico repressivo religioso e la religione in quanto potere influenza le menti umane – l’accettazione di qualunque diversità implica l’apertura mentale, il confronto, i dubbi, il dialogo, la comprensione e poi la conclusione, ma è un faticoso processo di crescita individuale e collettivo…meglio ETICHETTARE e REPRIMERE più facile e sbrigativo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...