www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Metti e togli tappo ma il mare è ancora nero

Lascia un commento


Il nuovo tappo collocato dalla British Petroleum sul pozzo sottomarino del Golfo del Messico non sta dando i risultati immediati sperati, infatti  i valori di pressione registrati dagli strumenti non sono così alti da escludere la possibilità di altre perdite nel pozzo.

Quindi è necessario  attendere altro tempo prima di stabilire se le perdite di gas naturale o greggio sono definitivamente terminate grazie al tappo o se  il pozzo si sia finalmente esaurito e svuotato.

Un fatto positivo certo è che per ora il tappo comunque sembra tenere e  la fuoriuscita di petrolio che sta avvelenando le acque del  Golfo del Messico sembrerebbe fermata.

Il presidente Usa si è espresso con parole ottimistiche, nonostante la dovuta cautela:  “E’ una buona notizia – ha detto Barack Obama – ma bisogna attendere la fine del test e, soprattutto non sopravvalutarci”. In ogni caso egli considera il caso marea nera non risolto finché i due pozzi secondari non saranno completati.

Resta comunque aperta ancora la questione dell’enorme lavoro di pulizia da fare.   Il tappo tiene e la falla subacquea resta chiusa, il petrolio non viene più immesso nelle acque,  ma c’è poco da festeggiare.

Bisogna investire tutte le energie nelle opere di pulizia dei danni alla flora e alla fauna marina. Tra le acque scure e oleose del Golfo gli uccelli agitano freneticamente le ali per spiccare il volo ma invano. Quella marea nera è per loro una trappola fatale.

Il bilancio è tragico sia all’economia locale sia all’ambiente.

Nessuno riuscirà mai a quantificare con esattezza quanto petrolio si è riversato nel Golfo del Messico.

Sappiamo  che il business collegato al  settore delle grandi imprese energetiche internazionali, sui mercati  ha goduto negli ultimi  anni di una salute economica invidiabile, con profitti anche clamorosi.

D’altro canto, cresce nel mondo, l’angoscia per la possibile carenza di risorse energetiche nel prossimo futuro. Si può uscire da questo dilemma tra problemi ambientali e carenza di petrolio e gas solo se si investe adeguatamente nel campo dei risparmi energetici e dell’energia verde, attività sulle quali non sembrano manifestarsi grandi entusiasmi da parte dei nostri irresponsabili governi.

Visualizza altro:http://www.milanoweb.com/notizie/attualita-e-cronaca/10759_marea-nera-risultati-meno-positivi-di-quanto-sperato

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-07-17/tappo-tiene-primi-test-080245.shtml?uuid=AYBTmW8B

http://www.rassegna.it/articoli/2010/07/16/64794/il-business-del-gas-e-petrolio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...