www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Vietate le bombe a grappolo, ma manca l’Italia!

2 commenti


Dal 1 agosto è entrata in vigore la Convenzione di Oslo che mette al bando le bombe a grappolo (cluster bombs).

Il documento proibisce l’impiego, la produzione, lo stoccaggio e il trasferimento di armi a submunizioni, ovvero bombe che contengono all’interno decine di piccoli ordigni che si spargono sul terreno dopo l’impatto.

Finalmente con questa convenzione, abbiamo contribuito a rendere il mondo più sicuro e abbiamo rafforzato il diritto umanitario internazionale.

Un grande passo avanti per liberare il mondo da armi ignobili, infatti la peculiarità di questi ordigni sta proprio nel fatto che i piccoli ordigni liberati dalle cluster bombs non esplodono e rimangono sul terreno, rappresentando una minaccia costante per chiunque li tocchi o li calpesti accidentalmente.

Ci sono armi utilizzate nei conflitti che superano la più macabra delle fantasie umane. Sono le armi non convenzionali studiate e progettate per mietere un numero sempre maggiore di vittime e infliggere perverse sofferenze alla popolazione civile

La Convenzione è stata ratificata a Oslo nel dicembre 2008 da 30 paesi ed è stata finora sottoscritta da 107 paesi.

L’Italia continua purtroppo a distinguersi per non aver ancora firmato l’adesione  per la messa al bando delle micidiali ‘bombe a grappolo.

Forse perché ne siamo produttori?

O forse perché oltre ai soliti ritardi burocratici (la documentazione è pronta ed è ferma in qualche ministero, probabilmente in quello della Difesa) sul rallentamento pesa una richiesta fatta già nel 2007 dal Ministero della Difesa che chiedeva 160 milioni di euro per l’acquisizione di munizionamenti alternativi?

Ritengo  inaccettabile vincolare o ritardare il proprio parere favorevole alla ratifica di una Convenzione Internazionale già sottoscritta.

In un momento storico dove la pace sembra essere lo sforzo del filo conduttore del nostro futuro,  fatico davvero a capire a quali urgenze e necessità strategiche risponderebbe l’acquisto di queste armi, anche perché da tempo le spese militari sono considerate sproporzionate rispetto ad altre e più importanti voci del nostro bilancio.

Visualizza altro: http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=113078&sez=HOME_NELMONDO

http://www.net1news.org/divieto-bombe-a-grappolo-manca-litalia.html

Annunci

2 thoughts on “Vietate le bombe a grappolo, ma manca l’Italia!

  1. Qualunque sia il motivo, hai ragione, non è un motivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...