www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

SUPERQUARK speciale: l’oro di Cortes

9 commenti


Avvincente racconto televisivo che  Piero Angela e gli Speciali di SuperQuark, in onda il sabato, su Rai3, hanno dedicato ad un personaggio attratto dalla ricerca di tesori, non per spirito romantico, ma per l’ingordigia di  impossessarsi quanto più possibile di ori e di preziosi: si tratta di Hernan Cortés.

Piero Angela ci coinvolge nella storia di questo incontro/scontro tra due civiltà completamente diverse, con l’aiuto di una docufiction (“Guerrieri: Cortés” – prodotto dalla BBC), interviste, effetti speciali che danno un ritmo narrativo trascinante, grazie anche alle ricostruzioni  grafiche di palazzi e i templi così come esistevano al momento della conquista spagnola.

Una vera occasione di immersione nel passato,  quando Cortés, nel ‘500, a capo di un piccolo esercito, invase l’attuale Messico, con la missione di portare la croce cristiana, i simboli del regno spagnolo ma, soprattutto, deciso a sottomettere l’imperatore azteco Montezuma e a portar via tutto l’oro possibile. Un’impresa non facile, per tante ragioni.

Tenochtitlan era una città di grandi dimensioni, piena di costruzioni religiose, perché la religione imperava nella vita di questo popolo. Uno scontro catastrofico per il mondo atzeco e  un incontro con il mondo spagnolo destinato a cambiare la storia. Da tempo si favoleggiava di una città completamente d’oro e Cortes parte verso questa capitale.

Gli spagnoli erano pochi, appesantiti dagli armamenti, il clima ostile, il terreno pieno di paludi dove gli attacchi a sorpresa potevano arrivare da un momento all’altro. Ma, Cortes è forte e  determinato a non tornare indietro perché davanti c’è l’oro, molto oro. Marcia verso l’avversario, fatica a capire la lingua, ma trova un’interprete, che svolgerà il ruolo di amante, dandogli un figlio ma soprattutto farà da ponte con gli usi e la cultura del suo popolo.

Gli spagnoli si trovarono di fronte alla capitale più grande d’Europa, metropoli immensa con milioni di abitanti, concentrato di edifici, chiese, baracche, strade, negozi, ponti, canali e persone. Non una tribù, ma una società ben organizzata.  Ammutoliti e increduli optano per la diplomazia e chiedono un’incontro con l’imperatore. Hanno la fama di guerrieri invincibili, considerati quasi degli inviati degli dei, secondo una profezia della religione azteca. Montezuma li ospita, trattandoli con importanza, riserva loro un grande onore, salire sulla piramide del sole, nell’immensa area dove  risiedono gli dei, una grossa pietra è destinata al sacrificio umano, il cuore viene strappato e offerto agli dei.

I prigionieri  vengono anche scorticati e la loro pelle indossata durante le battaglie per acquisirne forza. Qui si delinea la frattura fra  due culture, quello che agli spagnoli appare barbaro e incivile, pratiche agghiaccianti, è per gli atzechi molto importante e radicato. I sacrifici umani sono necessari, servono a ricreare la vita, le vittime acquistano l’immortalità ed entravano nella casa del sole per aiutare gli dei affinchè il sole torni a sorgere ogni giorno.  Il sole è il centro della vita e soltanto i sacrifici lo possono far risorgere, è dalla morte che si ritorna alla vita, il cuore e il sangue sono destinati ad alimentare il dio sole, è necessario ingraziarsi gli dei con la cosa più importante: la vita umana. Per Cortes è semplicemente un cerimoniale incomprensibile e ingiustificabile, la religione del demonio.

Il piano di Cortes sembra funzionare, si è accattivato la fiducia di Montezuma, quindi la sottomissione sarà facile e impadronirsi dell’oro ancora di più.

Scatta la missione educativa, la “vera civiltà” va imposta, il resto cancellato, distrutto e sostituito, un mondo che in base a questa logica, scompare per sempre. Cortes vuole costruire una chiesa sulla sommità della piramide, proprio sopra l’area sacra, perché gli atzechi hanno bisogno di dio, un vero dio.

All’interno del palazzo scopre la stanza del tesoro, cattura Montezuma e lo usa come ostaggio per frenare la reazione del popolo, questa mossa gli permette di ricattare gli atzechi. Si fa consegnare tutti gli oggetti in oro, che vengono trasformati in lingotti, adatti al trasporto. Poco importa se con ciò vengono distrutte le testimonianze dei loro usi e  l’arte,  l’oro va fuso perché è il suo peso il valore. La cattedrale di Siviglia è stata realizzata con l’oro sottratto al Messico, in nome di Dio non si esita a depredare.  Ogni oggetto, paga la guerra contro la Francia, arricchisce i nobili spagnoli e abbellisce gli altari.

L’imperatore si rassegna, il popolo si ribella, lo scontro è violento, su tutto incombe un senso di morte, poi Montezuma viene ucciso, come traditore, lasciando Cortes in gravi difficoltà. E’ chiuso all’interno della città, senza l’ostaggio e deve portare fuori l’oro.

Tuttavia gli spagnoli avevano molti elementi a favore: migliori armi, i cavalli con cui effettuare le cariche, animali mai visti dagli aztechi che utilizzavano armi rudimentali, ma, che erano decisi a sconfiggere quel nemico che gli aveva occupato casa. Costruiscono un ponte  e la battaglia segna un punto a favore degli atzechi, gravi le perite dell’eserciro spagnolo.

Cortes scacciato sa che se vuol tornare in Spagna deve portare l’oro al re, è il suo salvacondotto, costruisce una piccola flotta e cinge d’assedio la città.  Per mesi gli atzechi resistono, ma fame, malattie nuove, come il vaiolo e sete, segnano inesorabilmente la fine.

Cortes è governatore della “Nuova Spagna”, è  ricchissimo e tutto diventa  storia.

La storia, che  conosciamo, quella  scritta dai vincitori, quella che tralascia la versione degli sconfitti. Vincitori e vinti che si rinnovano nella storia di ieri e di oggi, solo i nomi cambiano, oggi l’oro si chiama petrolio, ma questa è un ‘altra storia…

9 thoughts on “SUPERQUARK speciale: l’oro di Cortes

  1. Ho visto anch’io un pezzetto di superquark.
    Solo una cosa era stonata e presumibilmente errata nella ricostruzione: la pietà di Cortez.
    Per quello che ne sapevo io, Cortez non era il “gentiluomo” che traspariva dalla ricostruzione, non ha mai avuto nessuno scrupolo a massacrare donne e bambini ma si sa…la storia la scrivono i vincitori come dici..
    a.y.s. Bibi

    • Peccato che Cortes non ha mai ammazzato o fatto ammazzare donne e bambini. Su questo tutti gli storici sono concordi. Non voleva neppure che si rubasse. Un suo soldato che rubò una gallina lo condannò a morte. Fabio

  2. Ho dubbi anch’io a riguardo, lo scontro culturale è stato forte e l’ingordigia pure e sicuramente non si sono tenute in considerazione le esigenze della controparte, come del resto per gli indiani d’America…

    • Comunque un gran bel racconto, ritmi narrativi e montaggio veloci, un bel rinnovamento anche per il settore documentari

      • Consiglio la lettura del romanzo ” L’ Azteco” di Gary Jennings, che oltre ad essere bellissimo, ti porta “dentro” il mondo azteco, con una rigorosità’ storica unita ad un racconto avvincente ed intrigante. Per chi ama leggere, un libro obbligatorio.

  3. Grazie mò me lo segno – sai che purtroppo in questo momento il piacere della lettura mi è negato causa di studi impegnativi ma appena torno libera il mio cervello avrà bisogno di nuovi stimoli!

  4. Purtroppo forse nessuno di voi ha letto questi tre libri: “La conquista del Messico” di Bernald Diaz del Castillo, che era un soldato di Cortes, “Cortes” di Juan Miralles, storico e diplomatico messicano tuttora vivente e “La conquista del Messico” di William Prescott, storico americano dell’800. Dopo averli letti riparliamo di Cortes. Tenete presente che Bernald Diaz non era simpatizzante di Cortes. Purtroppo come alcuni di voi hanno detto la storia la scrivono i vincitori, ma in questo caso i vincitori furono i reali di spagna che non hanno mai visto di buon occhio Cortes. Fabio

    • non puoi negare comunque che a Cortes sia legato il destino di un popolo che è scomparso a causa della sete politica e economica degli europei – popolo che ha subito la violenza dell’invasione e dell’incomprensione – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...