www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

POMPEI area archeologica disastrata

5 commenti


Fosse biologiche per i bagni, scavate a pochi metri dalle mura innalzate oltre duemila anni fa. Colate di cemento tra le colonne delle antiche dimore.

Prefabbricati incastrati nei locali che furono la palestra dei gladiatori. Colonnati corinzi e archi in reticolato romano che diventano appendiabiti per giacche e giubbotti, magari con qualche chiodo inserito all’occorrenza dagli operai, il  terreno invaso da trapani elettrici, martelli pneumatici e levigatrici.

Nessuno controlla, nessuno sa, nessuno vede.

Eppure è lo scempio di Pompei, degli Scavi archeologici. Unici al mondo.

Uomini e macchinari hanno selvaggiamente sostituito molto di quello che c’era, con un anfiteatro quasi completamente nuovo,  in tufo e di moderna fattura.

Questo è quanto si consuma ai danni del patrimonio archeologico di Pompei e soprattutto, nella comunità europea che spesso ama Pompei più di noi italiani.

Viene da chiedersi, se il maestro Riccardo Muti, che è artista sensibile e icona della cultura e dell’arte italiana nel mondo, sia stato informato  che non inaugurerà il “restaurato Teatro Grande”, ma un “Nuovo Teatro” edificato negli scavi di Pompei.

E’ un rifacimento ex novo: guardare le foto e ricevere un pugno nello stomaco della propria sensibilità, è un tutt’uno. L’invadenza di questi lavori eseguiti in modo barbaro, lascia senza fiato, increduli, e in preda ad  un grande senso di amarezza, per gli evidenti stravolgimenti dello stato originario dei monumenti e dei luoghi archeologici, con gravi danni al loro stato di conservazione.

Questo è l’ultimo segnale tangibile che la  valorizzazione culturale nel nostro paese ha raggiunto il suo “apice”  e che lo Stato non vuole chiaramente più investire sul nostro «patrimonio artistico», ma vuole soltanto  trarne profitto.

«Le istituzioni preposte alla tutela dei beni culturali sono costantemente umiliate da interessi politici ed economici del tutto privi di attenzione per la salvaguardia di quella che è la maggiore ricchezza del nostro Paese» ha denunciato qualche tempo fa Italia Nostra. Ed è proprio difficile dargli torto, quando proprio a Pompei l’indifferenza della politica si tocca con mano.

Comunque la logica vorrebbe che se il fine, è fare soldi,  spremendoli ai turisti e ai cultori d’arte, forse tale patrimonio andrebbe salvaguardato con cautela, da persone competenti, professionalmente preparate, perché,  al contrario della metodologia adottata fino ad ora, gli  interventi compiuti sono in evidente contrasto con i principi internazionali sulla conservazione del patrimonio storico artistico e con le norme che regolano e tutelano il patrimonio archeologico italiano e mondiale.

Valutando la situazione si ha il sospetto che nella stanza dei bottoni, nessuno si renda conto del rischio di condurre alla rovina una fonte di reddito ambita, in una regione che, tra l’altro, ha disperato bisogno di lavoro e sviluppo, oltre ( ma non credo che ciò interessi molto) al rischio di cancellare monumenti che costituiscono la nostra identità.

Forse, se proprio il maestro Muti prendesse una posizione decisa, eclatante,  un forte segnale di sintonia tra la conservazione del patrimonio archeologico e il patrimonio musicale italiano, magari evitando di inaugurare proprio lo scempio agli scavi di Pompei, potrebbe dare uno scossone   all’evidente insensibilità artistica dimostrata e che ha già prodotto danni peggiori della lava vulcanica del 79 d.c.

Visualizza altro: http://www.corriere.it/cronache/10_maggio_25/ruspe-cavi-e-mattoni-contestato-a-pompei-il-restauro-del-teatro-alessandra-arachi_c9b24a9c-67

Annunci

5 thoughts on “POMPEI area archeologica disastrata

  1. Non è soltanto la situazione di PomPei, ci sono altre realtà napoiletane o circumvesuviane come Ercolano, Stabia, Boscoreale che richedono una manutenzione costante, è un patrimonio troppo ricco per essere sprecato. Oggi secondo me il problema non sta soltanto nella costante manutenzione e nella cura dei materiali lasciati a difarsi sotto le intemperie. la cosa sconvolgente che l’intero patrimonio della pittura murale (affresco) sta scomparendo. si stima che ormai più dell 80% della pittura abbia ormai perso i pigmenti in modo permanente. inoltre alcune coperture sono vecchie di 10 anni e devono essere sostituite. Il grosso problema di Pompei però sta nel fatto che invece che mantenere le zone scavate con una maggiore manutenzioione, si continua a mettere in luce aree nuove, aumentando considerevolmente i costi e i futuri problermi. ogni anno che passa la situazuone a pompei peggiora, senza contare che sarebbe neccessario puntare una politica più aggressiva alla valorizzazione e alla tutela investendo più soldi che in nuovi scavi.

    • Marisa e Lukas – E’ fuor di dubbio che la conservazione patrimoniale di beni culturali comporta un forte impegno sia economico che di sensibilizzazione, (altrimenti non si spiegherebbero atti come quelli descritti da Marisa e tanti atri) ma , se la vogliamo mettere sul piano del “vile denaro” sono certa che i profitti supererebbero le spese – ma anche il “piano culturale” individuale avrebbe solo da guadagnarci – pertanto credo sia un investimento assolutamente doveroso per l’economia e per l’arricchimento artistico…due piccioni…

  2. Ha ragione Lukas, fosse solo Pompei…
    A me è capitato di andare a Bagheria a vedere la bellissima Villa Palagonia e mi sono trovata in questa bellissima opera d’arte dove la portinaia aveva piantato due chiodi, fatto passare un filo negli affreschi e ci aveva steso i panni ad asciugare.

  3. Pompei, dovrebbero trasferirla in toto in un’altra nazione, lì sicuramente capirebbero il valore che si ritrovano in dono, altrimenti bisognerebbe creare una zona franza di 10 Km nella quale fosse vietato l’ingresso ai locali, e l’area archeologica gestita da tedeschi o francesi. allora si che vedremmo la vera anima di Pompei. E parlo a ragion veduta, sono napoletano anch’io e la prima volta che andai a Pompei fu 40 anni fa.

  4. Non so perchè ma qualcosa mi dice che tu abbia ragione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...