www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

E’ ANCORA GIUSTO PROTESTARE?

6 commenti


Alle “Invasioni barbariche” di Daria Bignardi il dibattito dal titolo “Il futuro del nostro paese” che si rifà alla situazione attuale a seguito dell’approvazione alla Camera della riforma universitaria, si apre con la citazione delle parole di Mario Monicelli: “La speranza è una truffa, è una trappola, è una parola che non va mai pronunciata. La speranza è dei potenti per tenere a bada i subalterni. È una parola che usano i religiosi che vi dicono: “state buoni, pentitevi, chiedete perdono che nell’altra vita tutto andrà bene e sarete ricompensati”. Non bisogna avere speranze, bisogna avere desideri, mete e traguardi da raggiungere”.

In studio con il cantautore Roberto Vecchioni, il regista Massimo Coppola, il giornalista Oscar Giannino e la studentessa dell’Università La Sapienza di Roma, Elena Monticelli.

Massimo Coppola: “Stanno occupando e protestando, ma penso che stiano sopravvalutando l’avversario, gli stanno regalando un entusiasmo che non merita, sarebbe meglio sedersi accanto al fiume e aspettare che  si autodistrugga, perché a Berlusconi  non interessa il loro essere solidali”.

Questa mobilitazione è una presa di parola o meglio una ripresa di quel mondo giovanile che da sempre è il motore del cambiamento storico, a seguito della decisione di definanziare il sistema formativo italiano con conseguente compromissione del mondo del lavoro che di fatto mette in difficoltà il futuro dei giovani.

La protesta è sempre stata parte dello spirito giovanile; sono i giovani infatti i più focosi, i più idealisti, i più attivi e ultimamente sembra che siano anche gli unici a voler davvero cambiare qualcosa.

Ma come si cambiano le cose?

“Con la lotta sociale andiamo a riscoprire un sentimento collettivo che tenta di trovare soluzioni, noi non parliamo a Berlusconi, parliamo all’Italia”!

La coesione è un sentimento fondamentale, ogni generazione passa per questo e ciò porta al’inevitabile  coscienza politica della consapevolezza che i giovani, oggi, sono una generazione dove il futuro non è garantito. Da anni non si riesce a fare una riforma decente, la scuola ma anche la società in generale, pare abbiano un debito con il passato, un’enorme pasticcio retroattivo alle spalle che impedisce di chiarire prima di tutto le regole della società e di conseguenza anche  quelle del sistema scolastico. La classe politica che rappresenta lo Stato ormai è ignobile e decadente ed è un vero problema che non ci aiuta a sentirci italiani, come dovrebbe e come potrebbe, perché questo è uno Stato che o ha rinunciato alle sue funzioni assolutamente fondamentali oppure si presenta con un aspetto così disorganizzato, inefficiente da allontanare da sé e quindi anche ad allontanare dalla idea di nazione, perché, dopo tutto, lo Stato è quello che collettivamente ci rappresenta tutti quanti come italiani.

L’Italia un vero guazzabuglio dove è difficile identificarsi questo crea  divisioni che portano al fallimento, dobbiamo riprenderci il valore dell’unità.

La parola chiave del futuro sarà probabilmente questa: coraggio. L’obiettivo non è tanto far cadere Berlusconi, mi preoccupa per cosa succederà dopo.  Si apriranno nuovo scenari non dipendenti da Berlusconi e si spera con una classe dirigente rinnovata?

Se vivere non è aspettare che passi la tempesta  ma  è imparare come danzare nella pioggia, allora la protesta giovanile cambierà il Paese ed e’ ciò che mi auguro.

Annunci

6 thoughts on “E’ ANCORA GIUSTO PROTESTARE?

  1. Siamo stati tutti giovani e siamo stati tutti focosi e incendiari. A quei tempi pensavo che sarebbe stata questione di tempo e il meglio sarabbe andato al potere e avrebbe cambiato l’Italia. Come sappiamo non è andata così e adesso ci ritroviamo il Berlusca con tutto quello che ci ha portato in regalo. Adesso sembra sia arrivato al crepuscolo ma cosa ci riserva il futuro? Non so, ma se sarà migliore del presente non lo sarà così tanto da cambiare la nostra vita. I giovani, gli studenti? Non so… si nasce incendiari e si muore pompieri. Purtroppo sono in tanti i giovani pompieri.

  2. Quando si è giovani si ha la voglia di rompere gli schemi poi ci si rassegna…sarò pessimista ma non credo che un governo di qualsivoglia natura politica si impegni a migliorare la vita della gente, il potere è un egoistico ed esclusivo traguardo personale…ooohhh forse sono già vecchia e rassegnata, ti prego Storia, smentiscimi!

  3. Purtroppo la riforma della scuola,sono anni luce che doveva essere riformata,ma nessun governo di qualsiasi schieramento è riusciuto a trovare una soluzione.Figuriamoci se Beata Ignoranza riesce a uscirne.
    Ciao Loretta.

  4. Ciao Gibran a malincuore mi associo al tuo pensiero, per una che ama libri e sapere constatare che la formazione dei giovani cittadini sia così trascurata è una vera ferita al cuore.

  5. Mi auguro che questi giovani, pieni di idee e di inziative continuino nella loro sacrosanta lotta.
    Dai giovani arriva sempre un cambiamento: in questo momento di vera stagnazione culturale, una sferzata di novità può venire solo da chi ha il cervello libero da un appiattimento della scuola su modelli sorpassati: i voti, i grembiulini,la scuola per i ricchi.
    Speriamo solo che abbiano la forza di resistere o che cambi il modo di governare questo paese, altrimenti ritorneremo ai tempi dei tempi.
    Ciao Loretta. Un abbraccio.

  6. E vai, esattamente quello che spero – Che questa ondata di protesta sia un segnale anche per gli adulti ormai assuefatti al brontolio e al passivo ingoiare bocconi amari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...