www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

GLI UCCELLI MUOIONO, VOYAGER RISPONDE

4 commenti


Nella  puntata di Voyager su Rai 2, il conduttore Roberto Giacobbo, per cercare di comprendere lo strano e recente  fenomeno  riguardante la  misteriosa morte degli uccelli si allontana dal consueto  stile narrativo del programma, quello cioè, del  tono affascinante e indagatore del mistero. Un’analisi televisiva lucida e scientifica, nella quale i fatti vengono proposti senza ricorrere al forzato uso del sensazionalismo,  interpellando studiosi ed esperti, ascoltando i testimoni, proponendo servizi descrittivi e concludendo che le possibili cause potrebbero essere collegate ad eventi naturali, oppure, opera di qualche esperimento militare, rassicurandoci  che l’Apocalisse non è alle nostre  porte.

Il fenomeno della moria degli uccelli ha occupato  notiziari e giornali, prima ha toccato gli Stati Uniti, poi la Svezia e ora si è spostato anche in Italia: l’inquietante fenomeno ha interessato migliaia di uccelli morti, alcuni addirittura in volo, ma non solo, agli uccelli si è aggiunto il caso, di centinaia di pesci tamburo, balene (inspiegabilmente spiaggiate),  granchi e sardine. Le carcasse esaminate escludono la morte epidemica, ma ipotizzano una serie di concause non riconducibili ad un unico denominatore, parlando di coincidenza. Potremmo addirittura supporre “una strana causalità”. Se da una parte in molti hanno colto in questi fatti, segnali imminenti della fine del mondo, altri invece hanno ipotizzato tra le cause fattori d’inquinamento ambientale, acustico o test segreti di onde magnetiche.

Riepilogando: la “pioggia di merli” avvenuta in Arkansas, prima della mezzanotte della vigilia di Capodanno viene attribuita al rumore dei fuochi artificiali.  Infatti, secondo i biologi lo stormo di merli che stava probabilmente dormendo è stato svegliato bruscamente dal rumore e gli uccelli, disorientati, si sono alzati disordinatamente in volo sbattendo gli uni contro gli altri. Gli esperti spiegano che sono cose che a volte succedono, ma se gli uccelli cadono in campagna le volpi se li mangiano e nessuno se ne accorge.

Passando invece alla morte di due milioni di pesci tamburo in Maryland, sembra che sia dovuta al brusco abbassamento della temperatura avvenuta in quei giorni in quanto questa specie di pesci sarebbe molto sensibile al freddo e quelli morti erano quasi tutti esemplari molto giovani. Infine, l’improvvisa moria di migliaia di pesci e crostacei in Louisiana, sarebbe la conseguenza di una alterazione dei livelli di ossigeno nella superficie dell’oceano dovuta a fenomeni naturali come una diminuzione dei micro organismi presenti nell’area o ad un afflusso di acque più profonde.

Nessuna catastrofe mondiale, nessuna malattia virale pericolosa per l’uomo, nessuna causa soprannaturale e soprattutto anche se l’uomo moderno ha grosse responsabilità per come ha trattato la natura stavolta è scagionato, pertanto  possiamo continuare a vivere la nostra quotidianità immersi nel frastuono, nell’inquinamento e nella frenesia consumistica materiale,  per ora il pericolo è scampato o solo posticipato?

Annunci

4 thoughts on “GLI UCCELLI MUOIONO, VOYAGER RISPONDE

  1. Lo abbiamo solo posticipato,anche se dicono che questa volta l’uomo non c’entra mi rimangono dei dubbi.I botti di capodanno ci sono sempre stati,la natura con il freddo ha fatto sempre il suo corso,non sono un’esperta,ma titubante si.
    “Quando avrete abbattuto l’ultimo albero,quando avrete pescato l’ultimo pesce,quando avrete inquinato l’ultimo fiume.Allora vi aggorgerete che non si può mangiare il denaro.Toro Seduto.”
    “Una persona non dovrebbe mai lasciare tracce così profonde che il vento non possa cancerlarle.”
    Nativi americani.

  2. mi rendo sempre più conto che la saggezza degli indiani è una conferma di quanta arida presunzione i cosi detti uomini civili siano impregnati. ciao e grazie come sempre

  3. … e pensare che volevo andare un poco a comperare un po’ di fuochi!
    È meglio rimandare?

  4. se non vuoi avere dei volatili cadaveri sulla coscienza, sarebbe meglio che tu ti limitassi a feste meno eclatanti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...