www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

L’AMORE delle donne diventa RANCORE

16 commenti


E’ San Valentino!  E l’Infedele su La7 celebra la festa degli innamorati raccontando l’amore dei tempi nostri. L’amore dei giovani e dei vecchi,  le pulsioni d’amore, i sogni proibiti e la dignità delle donne.  Speciale San Valentino raccontando l’amore contemporaneo e partendo dallo slogan: Se non ora quando? L’amore delle donne trasformato in rancore, un urlo gridato con tutta la forza tipica della donne, quando vogliono affermare che sono una forza!   Un fiume di donne in piazza. La protesta in 230 città. Più di un milione, con la determinazione di manifestare la volontà di costruire un paese migliore.   Se ne discute in studio con Joumana Haddad, Giulio Giorello, Vito Mancuso, Deborah Bergamini, Patricia Thomas, Ida Dominijanni, Claudio Risé, Donatella Marazziti, Gianluigi Nuzzi.

Gli effetti di questa imprevista manifestazione si stanno riflettendo sulla politica. Abbiamo visto come nelle ultime tempi l’immagine della donna sia stata stravolta e snaturata da personaggi come Nicole Minetti, Ruby e le “Olgettine”, che hanno dato il colpo di grazia ad una femminilità italica già messa a dura prova ogni giorno dalla mercificazione e dalla strumentalizzazione.  Per difendere le donne che cercano il compromesso e “l’aiutino” degradante, Daria Pesce avvocato difensore di Nicole Minetti,  esordisce: “ è un déjà vu, questa manifestazione ricorda il 68’ e mi sembra ormai superato” – “Nicole è bellissima, intelligente e consigliera comunale, sono amica di Berlusconi da anni ed è mia opinione che potrebbe difendersi in un altro modo, cioè presentandosi davanti ai giudici, ne uscirebbe vittorioso.  Sarebbe meglio se assumesse un atteggiamento moderato, si dovrebbe difendere nel processo e non dal processo. Per Nicole escludo la condanna per concussione ma, sarà più difficile negare il favoreggiamento”.

Per Deborah Bergamini, deputata del Pdl: ”le donne italiane hanno partecipato ad un dibattito pubblico, molto rispettoso, interessante e che si spera continui ma che non ha nulla a che fare con la dignità delle donne, è stato un pretesto per manifestare contro Berlusconi, una manifestazione travestita contro la dignità delle donne, che peraltro non sono messe a rischio  e questo riferimento politico esplicito l’ha reso fallimentare”.

Non fatico a prendere posizione contro il pensiero della deputata berlusconiana perché la questione femminile è di fatto una questione politica, dal momento che erano anni che un rappresentante politico inviava segnali del tipo: soldi e potere, interdipendenze tra gruppi politici anche diversi, che confluiscono alla Corte di Arcore e che si legano tra di loro anche attraverso un uso della seduttività.  Ricchezze spropositate, feste, harem, concubine sempre disponibili pur di compiacere al potente rappresentante del popolo italiano.  Non si può negare che questo atteggiamento è il contrassegno di una democrazia fragile, che si affida alle ingannevoli narrazioni del capo, perché come la storia e il femminismo ci hanno insegnato è nella sessualità che si vede il sintomo della civiltà di un Paese e una società che diffonde un immagine di sultanato diventa la cifra di un sistema di potere legato alla mascolinità  narcisista e comunicativamente fortissima che  genera un meccanismo per cui la sfera privata che riguarda il sovrano ci mette poco ad assumere valore pubblico. I legami forti tra chi appartiene alla Corte, creati da un sistema di favoritismi, fanno sì che la Corte stessa diventi garanzia del potere del sovrano. I cortigiani hanno per questo bisogno del sovrano, ma anche il sovrano ha bisogno di loro. E’ una dipendenza reciproca infatti, come si vede in questi giorni, il sistema vacilla appena uno degli individui smette di concedere il suo supporto all’intero dell’organismo rompendo l’incantesimo dell’onnipotente seduttività di Silvio Berlusconi nei confronti del gentil sesso, facendo intervenire altri poteri scomodi come la magistratura.

All’orizzonte ancora non appare  un Robespierre in grado di rivoluzionare la politica, ma restiamo fiduciosi e la risolutezza delle donne che sono scese in piazza dimostrando e combattendo per qualcosa che ritengono giusto fa ben sperare nel futuro.

Annunci

16 thoughts on “L’AMORE delle donne diventa RANCORE

  1. Due cose:
    Il rancore fa male al fegato. Non è un modo di dire. È una realtà. “Donne fate attenzione! Reagite col sorriso! È decisamente meglio.
    Se arriverà l’auspicato Robespierre speriamo non si porti dietro la ghigliottina. Mi verrebbe il mal di testa!

  2. a furia di sorridere mi si è irrigidita la mandibola… come donna sono contenta che dalle donne sia iniziata la “rivoluzione” e il potere maschile non può non tenerne conto!

  3. Cara Loretta, l’on. Bergamini fa’ parte della fauna che, una volta dipartito il nanopriapo, scomparirà dentro una cloaca scura, maleodorante, e soprattutto definitiva.

    Ciao
    Zac

    • resto meravigliata nell’ascoltare le varie e accorate “difese” dei seguaci del sire che sembrano recitare un copione a memoria nonostante spesso siano messi di fronte al semplice realismo e come essi neghino evidenze incontestabili. Misteri umani!

  4. Il potere maschile? Che bestia è? Non ne ho mai sentito parlare. Credevo fossero le donne a comandare!!!!!!!!!

  5. ma dove? in quale pianeta? Pur riconoscendone i meriti è ancora lontana la reciprocità

  6. C’è stata una signora, per niente signorile, che alla manifestazione della Santanchè davanti al tribunale di Milano, reo di voler processare il suo dio, ha gridato al microfono dell’intervistatore: “se vedessi davati a me la Ilda Boccassini, le caverei gli occhi con le mie mani”.
    Questo non è rancore, ma vero odio inculcato da una propaganda indecente ed ossessiva. Pericolosa.
    Ciao Loretta, un abbraccio.

  7. come già detto sopra, sono molto impressionata dalla convinzione di essere nel giusto dei seguaci del capo – non aver dubbi ma solo certezze a me spaventa, non fermarsi (anche solo per un breve attimo )a mettersi in discussione, vista la marea di donne che a torto o ragione comunicano “un qualcosa”, mi disorienta – non fermarsi a pensare come mai tante donne siano scese in piazza, mi lascia senza fiato e pensare che tra noi ci siano donne che difendono l’operato di un capo del governo che ci vede solo orizzontali…dicono che il mondo è bello perché è vario ma in questo caso vorrei un pò di monocromatismo, un colore unico chiamato: rispetto!

  8. Non ho parlato di “reciprocità”!… magari.
    In natura c’è l’arcobaleno… il monocromatismo è monotono e fa male al cuore.
    Donne: “Sorridete e otterrete tutto quello che volete! Arriverete al potere!… e soprattutto non siate invidiose una dell’altra!
    Ora sono serio!

  9. Sono andata a leggere una storia da Palealvento,e ti dirò che mi ha commosso.
    Ciao Loretta.

  10. posso chiederti di condividere l’informazione? Vorrei anch’io leggerla e poi confrontarmi con te.

  11. Forse non ho capito cosa intendi per condividere l’informazione.

  12. Ma vado sempre da Palealvento e leggo ciò che posta,come faccio con te.E il commento che mi spiazza.
    Ciao.

  13. non preoccuparti, ho trovato l’informazione e sono andata a leggerlo, avevi ragione, commovente spaccato di vita femminile. ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...