www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

UNA RAGAZZA di 60 anni

4 commenti


In diretta da Milano, come ogni venerdì, la nuova puntata de Le Invasioni barbariche, il programma specchio della nostra epoca, condotto da Daria Bignardi su La 7, che indaga emozioni, sentimenti e aspirazioni dei personaggi noti al grande pubblico, che si siedono di fronte a lei per rispondere alle sue domande.

Ad aprire come al solito questa trasmissione l’intervento di Beppe Severgnini, che getta uno sguardo agli avvenimenti della settimana facendo il punto della situazione, a partire dall’affermazione del premier russo Vladimir Putin, il primo leader mondiale a spezzare pubblicamente una lancia a favore del capo del governo italiano dopo la bufera degli scandali sessuali. “Il nostro amico Silvio Berlusconi non si interessa solo alle ragazze, ma si occupa anche di cose concrete”. Lo ha detto al congresso del suo partito, Russia unita. L’intenzione era buona ma, quel “anche”, di fatto ha confermato che pensa alle ragazze…

Primo ospite della serata il Presidente del Partito Democratico Rosy Bindi, che festeggia i suoi 60 anni di vita, sfoggiando la coccarda tricolore da quando, indossando il fazzoletto verde per festeggiare l’approvazione della fiducia sul federalismo in Aula alla Camera, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha compiuto un gesto “eccessivo e offensivo della sede parlamentare”. “E’ successo che la Patria era un valore condiviso fino a che non sono apparse forze politiche che la vogliono dividere” , riferendosi ai leghisti che hanno sventolato le bandiere delle regioni e quelle con il sole delle alpi, simbolo del carroccio: “Il folklore cui abbiamo assistito- ha detto – è grave perché  nelle aule parlamentari non si va con le bandiere di partito” – A giudicare dal provvedimento che hanno votato, il federalismo, in realtà divide l’Italia, i piccoli dai grandi comuni, il nord e il sud, e non contiene il presupposto per un federalismo. Fino a che non avremo un cittadino che avrà gli stessi diritti da nord a sud non si può parlare di federalismo”.

Uno dei personaggi più conosciuti e rispettati del nostro panorama politico e donna, non poteva non dire la sua sull’ormai tormentone del caso Ruby. “ C’è qualcuno che ha scambiato la libertà sessuale con lo sfruttamento del potere, le donne sono diventate merce di scambio del potere, non è una lotta per la libertà sessuale.  L’emancipazione intrecciata con il pluralismo andrà ripresa con più determinazione, il corpo della donna deve essere libero non a uso del potente “

A proposito di donne e lotta, si avvicina l’8 marzo e la Bindi ha deciso di festeggiarlo in modo diverso ovvero, consegnando proprio in tale data, a Palazzi Chigi, la raccolta firme “Berlusconi vattene” slogan gridato con forza e determinazione durante la recente manifestazione in piazza dalle donne e promossa dal Pd per chiedere le dimissioni di Silvio Berlusconi. Iniziativa  criticata da Libero perché “ha dato fastidio la fila delle persone ai gazebo”. ” Le firme di Topolino e Paperino – ha spiegato – siamo stati noi i primi a denunciarli perché la voglia di ridicolizzare questa operazione c’è. E’ un’iniziativa politica che non è piaciuta a tutti perché fa spavento che 10 milioni di persone vogliano le dimissioni di Berlusconi”. E comunque a Libero dico che non ci vuole la carta di identità perché le nostre firme non servono mica a presentare la Minetti al consiglio della regione Lombardia…”, ha concluso.

Rosy Bindi ha appena compiuto i suoi primi 60 anni e si dice contenta di tutte le  fasi della sua vita, specie quella da adulta, ha lottato per ottenere le cose e pensa che la sua sia stata una vita piena, ha tribolato un po’ per diventare grande ma ora è soddisfatta di sé stessa. Il tono accenna a diventare un pochino più duro quando afferma che “gli italiani hanno Berlusconi ma, non sono identificabili con Berlusconi” ,  ha una gran voglia di batterlo, non teme le elezioni e conclude l’intervista con un bel W l’Italia e W il nostro Paese”.

Una ragazza di 60 anni che ha preso sul serio quella che viene indicata come una necessita nazionale ovvero, partire dallo stato di emergenza democratica del nostro Paese e immaginare una fase di transizione dentro a una coalizione molto larga che si impegni a rimuovere le macerie di questa cadente seconda Repubblica. E speriamo che tale compito dia i suoi frutti!

Annunci

4 thoughts on “UNA RAGAZZA di 60 anni

  1. Peccato che le cose concrete di cui si occupa, sono prevalentemente le sue faccende personali e mai le nostre…. piuttosto che se lo prenda Putin, glie ne saremmo riconoscenti in eterno. Ciao Loretta, un abbraccio ed un bacione

  2. Atto generoso o liberatorio il tuo? – speriamo solo che i nostri siano gli ultimi comemnti di una pagina di storia italica da accantonare –
    ricambio il bacione

  3. Ho conosciuto personalmente Rosy Bindi e posso garantire la sua voglia di cambiare questo paese. Calma educata e soprattutto non offende, mentre il cafone le fece battuta che era più intelligente che bella.Lui non è niente di tutto questo.
    Ciao Loretta.

    • mi fa piacere condividere con te il giudizio su Rosy Bindi – credo che la maturità le abbia conferito quella moderazione di cui tanto abbiamo bisogno ora – ritengo inoltre che chiunque di noi, visti gli esiti di una politica incentarta sull’avvenenza, ci possa rinunciare volentieri in nome dell’efficienza e dell’etica – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...