www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Gli TSUNAMI che ci cambiano la vita

4 commenti


Il terremoto del Giappone, lo tsunami, il pericolo del  nucleare, il ricatto del caro petrolio, la rivolta del nord Africa, irrompono nella vita degli italiani, cambiandola, sono infatti delle calamità che  sconvolgono gli assetti di potere del capitalismo.  Tematiche discusse all’interno della trasmissione dedicata all’attualità: l’Infedele condotto da  Gad  Lerner in onda su La7.

Catastrofi naturali, tecnologiche e sociali che stanno accadendo in questi giorni  che ci coinvolgono e ci coinvolgeranno. Ciò che accade nel mondo infetti, non ci può lasciare indifferenti, non solo per questioni di solidarietà ma perché ormai viviamo in un’epoca  dove gli sconvolgimenti di un Paese si ripercuotono con un impressionante effetto domino sul resto del Mondo.

Si parla della sciagura avvenuta in Giappone con il designer Takahide Sano e con gli ospiti giapponesi che ci aiutano ad entrare nei meandri  della cultura antichissima di questo popolo, per tanti versi totalmente diversa dalla nostra  e della loro convivenza con la paura. Un popolo che viene abituato (fin da piccolissimi) con esercitazioni continue e obbligatorie al controllo del panico.  Maestri di compostezza e di ordine sociale, con un forte senso di comunità, imparano che la paura individuale può essere dannosa per gli altri e di conseguenza studiano il controllo delle loro emozioni.  Nessun saccheggio dopo il disastro, è un fenomeno impensabile per quel popolo orgoglioso e discreto.

Il mondo sta con il fiato sospeso e attende   anche le conseguenze degli incidenti nucleari, provocati dallo stesso terremoto che stanno mettendo in agitazione questa nazione. Le prossime ore saranno decisive. Il timore è quello di un’esplosione, un incidente di gravità forse superiore a quello di Chernobyl che ha indotto il mondo intero a riflettere sulla questione nucleare.  Il problema della sicurezza si pone e non si può non tenerne conto nonostante i nuclearisti parlino di “polemiche macabre” fatte in ore di tragedia come queste.

Anche lo stesso Giappone dovrà affrontare un cambiamento indotto dalla catastrofe, nel paese più tecnologico del mondo ora, dovranno smettere di utilizzare l’energia in modo così esagerato, la questione nucleare è decisiva e obbliga a rivedere l’intera politica energetica. Mentre il Giappone, dopo il devastante terremoto, fa i conti con l’incubo nucleare, in Italia si riaccende il dibattito sulle centrali.

Lo stop all’atomo nella Penisola è arrivato proprio sull’onda emotiva dell’incidente di Chernobyl dell’86. Con la centrale di Fukushima posta a rischio dal sisma il governo italiano è a confronto, da una parte l’appello che il governatore della Puglia Nichi Vendola lancia all’esecutivo, che dovrebbe rinunciare definitivamente all’idea del  nucleare e dall’altra  il centrodestra che non sembra voler tornare sui propri passi. Quella di Vendola è solo una delle tanti voci che si alzano dall’opposizione e dal mondo dell’ambientalismo in difesa delle energie rinnovabili i cui incentivi sono stati appena tagliati dal governo.

Sicuramente  sono due gli aspetti che ci obbligano a riflettere: l’assoluta fragilità umana di fronte alla natura che travolge tutto  e il desiderio di onnipotenza umana con le sue centrali nucleari. Tra questi due contrasti si gioca la cifra del mondo globalizzato dove le conseguenze arrivano impreviste.  L’esempio giapponese deve essere motivo di riflessione che deve portare a una svolta  perché pensare di costruire 13 centrali nucleari sul territorio ora sarebbe davvero una follia.

Cambiamenti  mondiali che travolgono e mutano la vita, infatti, non sappiamo con certezza a cosa andremo incontro e quali saranno le ripercussioni sull’economia mondiale  del crollo della Borsa di Tokyo.  Per ora si rimane nell’incertezza.

Annunci

4 thoughts on “Gli TSUNAMI che ci cambiano la vita

  1. Quando usi la parola “follia” sei molto benevola.

  2. Speriamo si risolva tutto bene, ma il 2012 si sta avvicinando…..
    Ciao

  3. il 2012 per i Maya rappresentava la fine di questa era e l’inizio di un mondo migliore, pacifico e di benessere…i Maya si sono estinti…noi ci stiamo provando! ciao raf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...