www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

UN MONDO di PASTA

3 commenti


Grano e acqua, una ricetta semplice che l’imperialismo culinario ha diffuso e imposto in tutto il mondo, è il documentario che History per celebrare  i 150anni dell’Unità d’Italia  ha mandato in onda sul CH 407. Un percorso storico e nella memoria collettiva per restituirciil più ampio affresco sulla storia passata e attuale della pasta, mettendo a confronto la cultura cinese e quella italiana.

La storia della pasta ebbe inizio quando l’uomo abbandonò la vita nomade e diventò agricoltore, imparò a seminare e a raccogliere. E’ in quel tempo che la storia dell’uomo si sposa e si incrocia con quella del grano e con il grano ha inizio la storia della pasta. Di raccolto in raccolto, di generazione in generazione, l’uomo ha imparato a lavorare sempre meglio il grano.

In Cina , la pasta quale ingrediente essenziale della  cucina cinese, si fabbrica direttamente in pubblico e la si consuma anche in strada, si chiama: Mien. La sua produzione è rimasta prevalentemente familiare o artigianale, una miscela di grano tenero e acqua, cotta in acqua bollente. I cinesi hanno da sempre coltivano solo grano tenero e hanno saputo trasformare questa risorsa in cibo. Recenti studi dimostrano che la pasta in Cina è presente da 4000 anni. Nonostante circolino versioni differenti, la leggenda vuole che sia stato Marco Polo a raccontare in Italia dell’esistenza di questo tipo di pasta,di ritorno da un viaggio in Cina, ma anche Napoli rivendica con orgoglio l’origine di questa prelibatezza, chiamata maccheroni.

Allora chi ha ragione?   Non si sa  dove e quando fu introdotto l’uso dei vari impasti di farina di frumento ed acqua per fare la pasta fresca.  Non esiste dunque un inventore, la pasta è il frutto di una lunga collaborazione della cultura alimentare, un cibo universale di cui si trovano tracce storiche in tutto il continente euroasiatico. Acquisisce una posizione particolarmente importante in Italia e in Cina dove si sviluppano due prestigiosi filoni di tradizione gastronomica che si completano a vicenda ma di cui rimane difficile stabilire i rapporti proprio per la complessità dei percorsi intermedi.Si pensa inoltre, che la Pasta, sia originaria della Sicilia nella località di Trabìa, presso Palermo, zona con molti mulini, dove si fabbricava un particolare cibo di farina in forma di fili, chiamato con il vocabolo arabo “itriyah”. Una pasta asciugata dal sole e dalla brezza del mare.

Fino al Settecento esiste una gran confusione; i tipi diversi di pasta vengono etichettati normalmente come maccheroni finché, i napoletani, divenuti i più famosi mangia maccheroni, si appropriarono del termine e lo usarono quasi esclusivamente per identificare paste lunghe trafilate. La meccanizzazione fa nascere i nuovi pastifici che ereditarono l’arte e la cura della lavorazione casereccia della pasta, una tradizione che garantisce ancora oggi la qualità e la bontà della pasta e che da l’avvio ad una produzione intensiva.

Da quel momento la pasta parte per la conquista del mondo e anche i costi si abbassano , nasce il gusto della pasta al dente dalle svariate forme:liscia, tagliata, corta, lunga, ritorta, farfalle, spaghetti, ziti, penne, fusilli, lasagne, ogni regione vanta le proprie specialità e ancora oggi, nella competizione globale, nonostante siano cambiati i mezzi per produrre la pasta,il prodotto è rimasto sempre la stessa semplice miscela di semola di grano duro e acqua. Ingredienti naturali che danno origine a infinite combinazioni e che fanno incontrare  idealmente oriente e occidente a tavola. E non solo, la pasta al sugo di pomodoro è il simbolo culinario dell’Unità d’Italia che accumuna gli italiani a tavola del Sud, del Centro e del Nord. Ben 9,8 milioni consumano infatti pasta tutti i giorni a pranzo.

Insomma la pasta è una cosa seria, tanta storia, tanta passione, tutte svelate nella sua bontà!

Annunci

3 thoughts on “UN MONDO di PASTA

  1. Le tue foto mi hanno fatto venire l’acquolina in bocca!
    Buona Pasqua anche a te.

  2. Ah la pasta, se non esistesse più verrei pazzo!!!!!
    Ciao Loretta, Buona Pasqua.

  3. Buon appetito e buona pasqua a tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...