www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Strani furti su Rai2

8 commenti


Alzi la mano chi non ha ceduto alla voglia di portarsi via saponcini e cuffiette per la doccia dalla camera d’albergo. Per ricordare un viaggio e/o per sfoggiare nel bagno di casa una vita da giramondo. Quale sia l’irresistibile e irrefrenabile desiderio di portarsi via qualcosa è argomento di un  servizio del Tg2 che ci spiega che tecnicamente è un reato, di fatto è un furto, ma alla fine risulta  semmai un piccolo strappo alle regole compreso dagli stessi albergatori. Il 98% degli Arsenio Lupin mette in valigia prodotti da bagno,  in effetti i mini-kit per la cura del corpo sono lì per essere usati dal cliente durante la vacanza, ma la Federalberghi dichiara che sono messi apposta come “omaggio non dichiarato”.  Lo strano è che spariscono anche apribottiglie, asciugamani, posacenere e ciabattine da camera. Più grave, ovviamente, è infilare in valigia un accappatoio. Non a caso, da quando gli albergatori hanno aggiunto i cartelli “se vi piace potrete comprarlo alla reception”, le sparizioni degli oggetti più costosi sono crollate.

Insomma il brivido della trasgressione nel segreto della stanza ci trasforma un po’ tutti in piccoli topi d’albergo.  La faccenda cambia quando a sparire sono delle bombe atomiche!

 Se ne parla  nella nuova serie di Voyager – Storie, Mondi e Meraviglie, la trasmissione di Rai2 condotta da Roberto Giacobbo che apre proprio con un servizio dedicato alla scomparsa di una dozzina di bombe atomiche. Sembra incredibile, ma nel corso della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, migliaia di ordigni nucleari hanno volato sopra le nostre teste per raggiungere le basi militari di tutto il mondo. Ma cosa succede se uno di queste pericolose armi da guerra manca all’appello? Quante di esse sono realmente scomparse? E quali sono i pericoli di una bomba atomica sganciata per cause d’emergenza?

Voyager coerentemente con lo  stile narrativo si è recato fino in Nevada, negli Stati Uniti, per scoprire la verità e tutto ciò che non ci è stato raccontato.  “Chi non a mai perso un oggetto, è successo  a tutti ma c’è qualcosa che non si dovrebbe perdere, sono le 15 bombe atomiche che invece si sono perse e che sono ancora un pericolo” …

Un fungo atomico è un immagine che ci terrorizza, l’abbiamo vista tutti e ci mette ansia e paura, ebbene nel programma militare delle due super potenze, durante gli anni della guerra fredda, impegnati nella ricerca di un arma finale, in una corsa che aveva come scopo quello di mettere paura all’avversario per anni si sono costruite e sperimentate 70.000 armi nucleari. Poi per fortuna, hesplosione-nucleareanno raggiunto un accordo che ha messo fine a questo assurdo confronto che metteva a rischio il mondo e  avrebbe anche potuto devastare il pianeta terra. Numerose bombe sono state smantellate,  fatte scoppiare o rese innocue,  ma 15 mancano ancora all’appello.  Ci sono 15 bombe atomiche smarrite nel mondo di cui sappiamo poco e niente.

Sottomarini affondati con il loro pericoloso carico: siluri nucleari, bombe a doppia testata e missili nucleari. Aerei  che per avarie o incidenti hanno sganciato bombe in mare prima di schiantarsi, tutti ordigni che giacciono inesplosi sul fondo del nostro mare. Armi mortali che venivano trasportate per essere pronte in caso di attacco dell’una o dell’altra potenza nemica ma che durante i trasferimenti hanno subito una variante imprevista dal programma militare. Una storia passata che potrebbe diventare attuale da un momento all’altro perché, di fatto, nessuno ha potuto bloccare il nucleo  contenente la materia prima l’uranio; una minima quantità di uranio consente di produrre un’elevata quantità di energia.

Nel corso degli ultimi anni l’obiettivo eliminazione delle armi nucleari inesplose è stato totalmente tralasciato e occorrerà una reale svolta politica e un maggior sforzo intellettuale per raggiunger la nostra totale sicurezza. Una sfida per l’attuale e futura generazione di leader, una prova della loro maturità. A meno che  non vogliamo  considerarlo anche questo un “omaggio non dichiarato”…

Annunci

8 thoughts on “Strani furti su Rai2

  1. Non si può lasciare in albergo una saponetta cominciata! Non sarebbe ecologico. Bisogna portarla a casa e consumarla fino in fondo.
    Circa le bombe… ti scriverò più tardi.

  2. attenderò con trepidazione…io le lascio lì sul lavandino le saponette perché mi porto il mio detergente da casa, è grave? ciao un salutone

  3. Questa seconda parte si deve un poco collegare al mio:

    http://quarchedundepegi.wordpress.com/2011/05/19/appendice-n°-3-a-diavolo-disoccupato/#comments

    che ci porta, assieme alla storia delle bombe, a capire come abbiamo sempre vissuto con dei governanti bambini che giocano con oggetti “da grandi”.
    Con questo non voglio far propaganda a quello che scrivo. Sono però allibito nel constatare ogni giorno di più l’incapacità dei Governanti di collegarsi al cerebro prima di agire.
    Se vedono una donna non capiscono più niente e il collegamento è diretto agli organi sessuali.
    E poi: 15 bombette non sono mica petardi che fanno un po’ di rumore e basta.
    Mi fermo qui!
    Ciaooooooooo.
    Se hai qualche saponetta di troppo…

    • ciao, in effetti, stupisce e spaventa la superficialità con cui alcuni temi che ci coinvolgono tutti, sembrano essere nelle mani decisionali di tranquilli burloni che OPS si perdono alcune bombe…

  4. Nel mio girovagare nell’ex Urss…mi hanno offerto di tutto, dai sottomarimi ai porti, dai carri armati ai mig..e pure il fantomatico “mercurio rosso”.
    E quindi non mi stupisco di nulla… tieni solo presente che per essere armate, le testate devono rispondere ad un codice, senza il codice ….niente fungo.
    a.y.s. Bibi

  5. Ad essere sincera tremavo all’idea di una accidentale deflagrazione – ma il buon Giacobbo non l’ha messa così! innocue o meno resta comunque il fatto sorprendente di governanti che se le perdono… ciao

  6. Confesso, ne ho una piccola collezione di queste saponettine. Ma solo se c’è scritto il nome dell’albergo.
    Alcune sono belle, sono ricordi anche di ciò che non c’è più, come per esempio, la Jugoslavia.
    Secondo me gli albergatori le usano anche per un richiamo di altri turisti.
    E’ un modo per farsi pubblicità ed il tutto sta dentro al conto dell’albergo.
    In quanto a perdere le bombe atomiche e tutto il materiale pericoloso, come se fossero noccioline, sta a dimostrare che il mondo, inteso come umanità, non si ama.
    De resto se molti vivono sulla morte degli altri, come i venditori di armi o i produttori di droga, che vuoi che siano 15 bombe atomiche.
    Comunque sono robe da “fine del mondo” succederà una qualche volta, fra qualche secolo che qualcosa scoppierà ed allora davvero sarà l’Apocalisse.
    Ciao Loretta, un abbraccio.

  7. Catastrofica visione o prospettiva futura la tua? Eeeh bel dilemma – se come dice Bibi ci vuole un codice possiamo anche serenamente chiudere il capitolo stupidità umana, in caso contrario ogni mattina svegli e sani è una mattina guadagnata…ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...