www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Ballottaggi:E’ festa in Italia, e adesso?

8 commenti


In  occasione della tornata elettorale per i ballottaggi delle amministrative 2011, La7 inizia dalle 15.00 la lunga diretta del TgLa7 condotta da Enrico Mentana, dalle 15.00 alle 20.00.  A seguire Tg,  rubriche e appuntamenti serali abituali, tutti all’insegna dell’unico argomento di attualità: Giuliano Pisapia è il nuovo sindaco di Milano, ma anche Napoli “è stata liberata”!

Un ciclo si è compiuto, il Berlusconismo è finito, in Italia entra un nuovo colore politico, ovvero quello del centro sinistra. Una giornata importante in una piazza Duomo tutta arancione, al grido di :”Oooohhh Giuliano libera Milano”. Decine di migliaia, cori, bandiere, applausi. È grande la festa per Giuliano Pisapia. Vuvuzuelas, caroselli di biciclette e motorini per le vie del centro. Un entusiasmo che non si esaurirà presto. In strada sono scese persone di tutte le età in attesa  dei risultati finali, mentre sul palco si alternavano artisti.

Altra festa a Napoli, tantissimi i sostenitori radunati. In piazza bandiere di Rifondazione comunista, dell’Italia dei valori, della Pace; qualcuna anche con il volto di Che Guevara. “Chi non salta Berlusconi è” è lo slogan che  tanti urlano. Un affresco italiano che disegna la festa della vittoria per il voto delle amministrative nelle due città che hanno svoltato, tantissime  persone riunite nella  gioia di chi  in questi mesi  ha ribadito il  no al governo Berlusconi. Una vittoria schiacciante. Un risultato al di sopra  di ogni attesa.  Piazze, giovani, entusiasmo come questi non li si vedevano da tanto tempo. Una nuova ventata culturale e politica ci attende. Il messaggio è chiaro, il Paese vuole cambiare. In questo momento in tutta l’Italia il vento è cambiato, il paesaggio esce fortemente modificato, da nord  a sud gli italiani hanno fatto capire che vogliono i fatti, sono preoccupati della situazione economica del Paese  e del loro futuro, lo scisma da Berlusconi segna il cambiamento. Bisogna ricominciare e ricostruire. Non sarà facile. La nostra forza sarà la capacità di non perdere più di vista i beni comuni.

E Berlusconi come reagirà? Per ora, il lupo perde il pelo…”Io sono un combattente, non mi tiro indietro”! Ma intanto va a Bucarest e schiva il colpo da lontano. “Ogni volta che perdo, triplico le forze”! Non ci sorprende, caparbio, sordo  e cieco dimostra e conferma la scarsa capacità d’analisi del momento storico e del suo operato. Potrà anche non mollare ma avrà all’orizzonte la frantumazione del suo partito,  i referendum di giugno, una Lega che dovrà valutare la situazione e nuovi cittadini che hanno detto basta al velenismo politico, alla prepotenza, rivogliono un futuro  e che hanno votato delle persone non più  la leadership.

L’elemento di rottura è arrivato. La monarchia è finita. E’ un’occasione da non sprecare. Gli elettori hanno dato le carte, ora tocca ai politici giocarle!

Annunci

8 thoughts on “Ballottaggi:E’ festa in Italia, e adesso?

  1. La “rabbia” è una cattiva consigliera. Speriamo che chi ha ricevuto i voti degli arrabbiati li sappia utilizzare con un pizzico di onestà.

  2. SPERIAMO – ne abbiamo un gran bisogno! ciao e grazie

  3. Bisogna lavorare bene e seriamente. La gente ha dato una risposta ad una domanda di cambiamneto. Sideve essere all’altezza della richiesta e lasciare da parte i tatticismi politici,alla D’Alema per intenderci.
    Ciao Loretta, un abbraccio.

  4. ciao – verissimo, d’ora in avanti diventa assolutamente necessario essere seri e applicare politiche serie, il momento è di per se critico non occorrono altri “carichi da 11”! un abbraccio

  5. La sinistra ha la grande occasione di dimostrare a Milano ciò che si può fare in tutta Italia.
    Ha due anni per farlo e Pisapia ha la grande responsabilità di essere la punta di questa squadra.
    Un fallimento significherebbe almeno un paio di altre legislature dietro il Berlusca di turno.

  6. Assolutamente in accordo con la tua analisi – ci aggiungo solo un :non sarà facile, nonostante la buona volontà e l’impegno, il terreno è stato desertificato in vent’anni, l’irrigazione sarà difficile e lunga. Auguri, buon lavoro e speriamo che non rendano il compito troppo arduo! ciao

  7. Hanno vinto per cui adesso non possono permettersi di sbagliare,sarebbe come darsi la zappa nei piedi.
    Detto toscano.
    Ciao Loretta e buon 2 giugno.

  8. Detto saggio! ciao a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...