www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Passaggio a nordovest

4 commenti


PASSAGGIO A NORD OVESTViaggiare  con Alberto Angela e il suo Passaggio a nordovest su Rai1, con l’obiettivo di esplorare il mondo delle civiltà scomparse, di seguire spedizioni in luoghi inaccessibili e di ricercare popolazioni ed etnie che stanno scomparendo, di conoscere, insomma, le meraviglie del nostro pianeta.
Archeologia, antropologia, scienza ed esplorazione per compiere insieme agli spettatori viaggi tra realtà che potrebbero sembrare molto lontane da noi, qualche volta anche crudeli, ma che sono invece il patrimonio che la nostra civiltà non deve dimenticare, o peggio, distruggere.

Il viaggio di questa settimana inizia da molto lontano in Argentina e precisamente in Patagonia dove in un ambiente simile a un deserto sta tornando alla luce una spettacolare foresta fossile, con alberi pietrificati che hanno 150 milioni di anni. Fossili che ci raccontano di un mondo diverso, con un clima caldo umido, foreste rigogliose, alberi enormi, una sorta di Amazzonia preistorica, sopra,  volavano gli stenosauri, sotto, in tutto questo spazio verde, tante le creature che la popolavano: dinosauri, mammiferi marsupiali e… tracce di gocce di pioggia lasciate nel giurassico. Poi una catastrofe naturale ha schiacciato tutto e l’enorme vulcano ha ricoperto il paesaggio, una Pompei della psistoria ed è qui che è cominciato il lento procedere della fossilizzazione. Sopra di loro le epoche si sono succedute, poi, poco a poco, sono ritornati alla luce. Un fenomeno interessante e raro, una minuscola porzione di preistoria giunta fino a noi, per essere ammirata e in cui leggere preziose informazioni su un passato che nessun essere umano ha potuto vedere. Una finestra sul tempo aperta ad un gran numero di informazioni sulla storia del nostro pianeta,  che permette di ricostruire le antiche forme di vita e di capire come siano cambiate nel tempo le condizioni ambientali.

In  Camerun,  seguiamo la vita dei trasportatori di una risorsa molto preziosa,  chiamata “oro bianco”. Un mondo che ruota attorno al cotone, raccolto e trasportato su camion. La materia prima agricola più commerciata al mondo, tonnellate di cotone che si acquistano a 30€  che poi man mano aumentano il loro valore. L’Africa punta molto sulla produzione cotonifera, che contribuisce con i suoi introiti ed attività collegate alla formazione di buona parte del prodotto interno lordo. L’oro bianco, infatti, è la fonte primaria delle esportazioni per molti Paesi dell’Africa occidentale e centrale. Il settore cotoniero è cruciale per la riduzione della povertà rurale e le attività ad esso legate che impiegano circa 6 milioni di africani che riescono a condurre una vita dignitosa e i cui ritmi vengono scanditi  proprio dal cotone.

Infine il programma si inoltra in Indocina o meglio in Cambogia seguendo il corso del mitico fiume Mekong per giungere  nell’antica capitale costruita dalla dinastia Khmer nel XII secolo: la città di Angkor. Una fitta foresta con serpenti, tigri, elefanti e sanguisughe che popolavano questa terra e  che oggi testimonia all’occidente i fasti di una bellissima città, un sito archelogico di inestimabile valore e unicità.  Il re Suryavarman II fece costruire l’immenso complesso sacro in soli 30 anni. Ma fu conosciuto dal resto del mondo soltanto nel 1860 grazie all’esploratore francese Henri Mouhot che così lo descrisse nel suo diario di viaggio: “… eretto da qualche antico Michelangelo… E’ più grandioso di qualsiasi cosa ci abbiano lasciato i greci o i romani, e contrasta tristemente con la situazione selvaggia in cui versa ora la nazione”. Il francese sbagliò la collocazione storica, ritenendo che appartenesse all’antichità, non a torto, dato che l’armonia del Tempio di Angkor è paragonabile all’architettura del classicismo, caratterizzata da una perfezione delle proporzioni che abbraccia i numerosi edifici. Questo immenso complesso religioso, il più grande al mondo, con i suoi  templi  è oggi la più importante attrazione turistica della Cambogia. Sono una pIl tempio di Angkor: Angkor Vatarte di ciò che rimane di circa 70 edifici sacri che in passato componevano un vasto centro religioso e amministrativo. Nel 1431 Angkor fu attaccata e distrutta dall’esercito Thai. La città cadde in rovina e fu abbandonata all’invasione della giungla, finché non venne riscoperta 150 anni fa.

Annunci

4 thoughts on “Passaggio a nordovest

  1. Bellissimo racconto,mi ha fatto tornare in mente il film JURASSIC PARK che vidi assieme ai figli ancora ancora abbastanza piccoli.
    Ciao Loretta

  2. Importante spazio televisivo che abbraccia e raggiunge i ragazzi, testimonianza dell’impegno divulgatico che la famiglia Angela svolge da tempo – conferma che il ruolo della Tv dovrebbe essere anche quello di intrattenere culturalmente. – Mi fa piacere aver risvegliato ricordi materni…ciao e grazie

  3. I tuoi “resoconti” sono scritti sempre in modo decisamente esemplare.
    La televisione, almeno la televisione di stato, dovrebbe effettivamente essere maggiormente culturale e meno commerciale e con meno “stupidaggini”. Invece…

  4. Forse, ora che la brezza del nord,si è trasformata in ciclone, anche la televisione dovrà tornare a maggiormente informare e non solo intrattenere, del resto i segnali si erano già fatti sentire, vedi Vieni via con me…speriamo solo che si fermino i licenziamenti dalla reti ufficiali…o anche gli utenti si trasferiranno! ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...