www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Quanto ci costa la casta?

6 commenti


La7 con il suo talkshow d’informazione In Onda,  condotto da  Luisella Costamagna e Luca Telese fanno l’anatomia del potere italiano,  dopo quattro anni dall’uscita del libro denuncia “La Castascritto da Giananntonio Stella e Sergio Rizzo, ospite della puntata.  Cosa è successo dopo la pubblicazione che ha portato alla conoscenza dei cittadini  i temi  più dolenti e più vergognosi che si possano pensare legati ai nostri politici, ovvero: tangenti, nepotismo, privilegi immotivati e sprechi di ogni genere. Esempi che vanno ben oltre l’immaginazione. Impossibile non essere sconcertati e nauseati dai dati che emergono, ma alla luce di quanto ci sta accadendo è giusto doamndarci se ancora quella descritta nel libro sia  la precisa immagine della classe politica di oggi giorno o solo un resoconto del passato?

“Ci sono persone che percepiscono un doppio vitalizio, come ex parlamentari e ex consiglieri regionali, anche se hanno trascorso un solo giorno lavorativo in Parlamento e di professione fanno gli avvocati, i manager”…parole del  direttore News Mediaset Mario Giordano autore del libro “Sanguisughe- Le pensioni d’oro che prosciugano le tasche“.

In un momento in cui la politica fa esplicita richiesta di sacrifici ai cittadini, nel pieno della crisi economica, le pensioni  dei parlamentari hanno registrato un aumento di 1200€ mensili, del resto “I politici hanno un’etica tutta loro. Ed è una tacca più sotto dei maniaci sessuali “(aforisma di  Woody Allen). E allora perché interrogarsi sul fatto che i dipendenti debbano andare in pensione sempre più tardi, sul perché il mondo del lavoro debba essere sempre più flessibile, sul perché il desiderio di una casa per la propria famiglia sia spesso un sogno irrealizzabile, sul perché molti non riescano ad arrivare a fine mese. La risposta è scontata. Dopo essersi indignati, siamo autorizzati a pensare che per vivere meglio questo storico momento di difficoltà dovremmo scegliere la carriera politica, forse è per questo che Brunetta è scappato dai precari, ci ha visto il riflesso della futura concorrenza!

E’ lo specchio di quanto ci succede, paghiamo ben 3.80€ ciascuno per il lavoro dei nostri rappresentanti a fronte di un solo euro francese e di 12 centesimi degli americani. Una realtà decisamente squilibrata. I nostri politici  sono troppi e lavorano tropo poco, vale la pena continuare a dirlo,  anche perché come risulata dal recente  bilancio ufficiale è già previsto per il 2012 un aumento del 2%!  Diventa necessario equiparare gli stipendi dei nostri parlamentari a quelli  europei anche perché tra i politici europei coloro che godono dei maggiori privilegi sono i politici italiani, tutto questo a danno del cittadino e dell’economia stessa del paese.
Ovviamente è demagogico pensare di risolvere la crisi con la riduzione dei loro stipendi o delle loro pensioni, certo è che l’esempio di una condivisione di “sacrifici” servirebbe a far tornare la fiducia nel loro operato, avrebbe un valore simbolico sostenziale  e un tantino  economico, visto che gravano su di noi i 219.000.000 di euro delle pensioni annue dei parlamentari.

Dunque, nonostante la giusta denuncia,  il bilancio di cosa e quanto è cambiato in materia di sprechi e privilegi ingiustificati della politica italiana, registra solo promesse che vanno molto di moda durante il periodo elettorale. L’andazzo degli ultimi venti anni è stato tale che, per forza d’inerzia, i costi hanno continuato a salire. Il problema è quello del contribuente che continua a pagare per mantenere con le tasse  un apparato burocratico elefantiaco con costi faraonici. Del resto l’essere casta consiste in questo. E nel non curarsi neppure più delle critiche.

Annunci

6 thoughts on “Quanto ci costa la casta?

  1. Di fatto non è cambiato assolutamente nulla.
    Alle caste non interessa ciò che i cittadini dicono e non rinunciano mai ai privilegi per cui il cittadino si indigna.
    Solo le rivoluzioni possono scalfire le caste, dopo di che bisogna stare in allerta perchè alle vecchie caste non si sostituiscano delle nuove.
    Non sono molto ottimista per ciò che riguarda il nostro carattere nazionale che di fatto ha sempre bisogno di una signoria.
    Ciao

  2. Eccomi Loretta, finalmente ti ho trovato. Ci si è messo di mezzo persino un corto circuito, si vede che in casa ho qualcosa che non funziona bene e dire che ho fatto tutto quello che serve per la messa a norma della luce.
    Per ora il problema l’ho risolto con un tecnico “per telefono”, come fanno alcuni medici che curano per telefono.
    E’ bella questa tua nuova veste, complimenti.
    Sulla casta che vuoi che ti dica, che sono delusa e confusa. Non c’è un’amima che una volta arrivata ad un potere, anche piccolo piccolo, non ne approfitti.
    Secondo me, il berlusconismo ha cambiato anche il DNA degli italiani, non solo la mentalità.
    Ci vuole un nuovo innesto genetico per tornare almeno un po’ alla normalità.
    Un innesto di buonsenso, di sana normalità e di serietà.
    Ciao Loretta, un abbraccio.

    • BENEARRIVATA – anch’io ho avuto problemi tecnici, l’amicizia si vede anche dalla condivisione virtuale di problematicità…Totalmente concorde a quanto da te scritto, sembra sempre che regni la legge del più furbo ossia di quello che se ne approfitta a spese di tutti – finirà prima o poi? vincerà la seriatà profesioanle, l’etica, la correttezza e il giusto stipendio? speriamo! – ciao e grazie

  3. SILVANA: Pur dovendo constatare la tua ragione dovuta al fatto che i privilegi continuano ad essere motivo di “scelta professionale” per i nostri politici, credo che in tempo di crisi tutti debbano tirare la cinghia, nella buona e nella cattiva sorte – in America hanno congelato lo stipendio di deputati rei di ritardata attuazione di alcune leggi, fino al compimento del loro lavoro – ciao e grazie

  4. Come sai ne ho scritto piu’ volte sul mio blog , ma , come ulteriore beffa , ci sarà la manovra Tremonti che a quanto pare pescherà nelle tasche dei soliti . In un altro paese ci sarebbe già stata una rivoluzione , è intollerabile che le cose continuino in questo modo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...