www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Un’altra Napoli

Lascia un commento


Rinnovato l’appuntamento del lunedi con Hotel Patria, il bellissimo programma condotto da Mario Calabresi, affiancato in questa puntata da Luca Zingaretti che ha “quasi cinquant’anni e di professione fa l’attore, comincio col raccontare una storia di Napoli, ma non la solita faccia della Napoli dell’immondizia, una storia di passioni, di resistenza, di coraggio, di professionalità, partiamo da Nisida, un posto meraviglioso, un’isola posta a pochissima distanza dalle coste di Posillipo. Su questa isola c’è un carcere minorile, con tanto di programma di recupero…”

Dunque in questa puntata l’attenzione è  per i ragazzi del carcere di Nisida. Con la loro filosofia di vita e l’amore sfrenato per gli abiti firmati, che spesso sono la causa degli atti delittuosi. Napoli ha “luoghi” di eccellenza che troppo spesso sono soffocati dalla cronaca, il Carcere Minorile di Nisida ne è un esempio; sicuramente la forza morale impressa dal personale specializzato, condotto da una singolare umanità ed empatia, spiegano il successo di una struttura così difficile, quale un istituto di rieducazione per minori. “Sono persone alienate, il nostro tentativo è quello di fargli recuperare sensibilità e tenerezza, devono  prendere coscienza che esiste qualcosa d’altro oltre loro stessi”

La realtà del carcere è una sorta di pausa dalla vita a cui sono stati educati, un’alternativa alla cultura che hanno assorbito nei quartieri di origine, una possibilità per sganciarsi dal sistema antistato dettato dai codici della camorra. Ragazzi che amano i capi firmati, le auto, il divertimento, la bella vita,  disposti a  trasgredire, affascinati da stili di vita lussuosi, abituati fin da bambini a trasgredire per guadagnare in mezz’ora tanti soldi da spendere, un destino già segnato che questo carcere tenta di interrompere.

“Quello che colpisce è la mancanza di formazione, la mancanza di un ordine di valori, una logica capovolta dove il denaro è l’unico valore” sono le parole di Luca Zingaretti che colpito dalle testimonianze analizza la situazione insieme al conduttore che aggiunge:”Qui c’è l’idea di portare a casa tanti soldi che vanno subito spesi, mostrati agli altri”. Una cultura del sistema criminale che porta i ragazzi a strafare, ad esagerare, un trionfo dell’eccesso che fa comodo al giro malavitoso. Il carcere al contrario cerca di far loro acquisire sicurezza, riconosce le loro potenzialità, da voce alle loro passioni, cerca di applicare un’attività riparativa del danno sociale, con un’attenzione alla cura delle relazioni affettive, al recupero del ruolo e della funzione genitoriale.  La detenzione serve a utilizzare il tempo e lo  spazio per far fruttare le capacità, la voglia di cambiamento, di riscatto, per far comprendere che l’impegno è importante per raggiungere degli obiettivi. Da qui emergono belle  realtà umane, che trovano la loro soddisfazione in vari ambiti professionali. Certamente è impensabile salvare tutti, ma anche  la “goccia” serve a dar forza per continuare a credere che il metodo è quello giusto e per applicare la diagnosi che utilizzano i medici con i malati di cancro: “Se entro 5 anni non avviene una ricaduta, allora sono salvi”!

Ragazzi che pur nelle innegabili difficoltà delle loro vite, hanno trovato una parte della loro fortuna personale nell’incontrare dei “genitori adottivi” così impareggiabili!

E poi ancora, scopriamo una Napoli che va oltre la spazzatura e la camorra, dietro le montagne di immondizia c’è chi progetta il veicolo del futuro. La Napoli di un gruppo di imprenditori che hanno brevettato un elicottero taxi per il trasporto urbano, già richiesto dall’India alla Cina. Un biposto ultraleggero, il primo con due motori che utilizzano benzina verde e non carburante avio, più costoso e più inquinante, frutto di tanta passione e determinazione, al punto che l’ingegnere/inventore dorme accanto ai suoi elicotteri. Un sogno, un progetto che guarda lontano, la “500 del cielo” del nostro futuro, realizzato in un grande centro di ricerca con giovani formati dall’Università napoletana, lanciati dal loro entusiasmo che sognano di far volare le persone come oggi ci spostiamo a terra. Una visone straordinaria all’interno di un’azienda napoletana, impegnata in un settore altamente innovativo, per molti versi pionieristico,  inserito nel tessuto produttivo campano e meridionale, una responsabilità ancora maggiore, una grande sfida che viene realizzata a Napoli, nonostante tutto…

“Se pensiamo all’Italia in modo diverso forse in futuro si cambierà la mentalità della raccomandazione, pensiamo positivo”…sono le ultime parole di Zingaretti per chiudere in modo ottimistico questo argomento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...