www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Dal libro al computer

4 commenti


Un servizio del Tg2 ci porta a riflettere sulla condizione delle ultime generazioni  che stanno diventando completamente schiave della tecnologia. Sempre più dipendenti dal cellulare e dal computer. Vivono costantemente attaccati alla rete. Lo attesta l’ultima Indagine condotta da Eurispes e Telefono Azzurro sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza 2011.

E’ il ritratto dei giovani supertecnologici. Dati allarmanti sul rischio cyber-dipendenza soprattutto nella fascia 12-15 anni: il 42,5% controlla continuamente la posta elettronica o Facebook sperando che qualcuno gli abbia inviato un messaggio. Internet la fa da padrone, ma anche del cellulare non possono fare a meno, alcuni ne hanno più di uno e ci passano gran parte della giornata tra messaggi e chiamate. La metà dei ragazzi (49,9%) dichiara di perdere la cognizione del tempo quando è online, dimenticandosi di fare altre cose e uno su 5 si sente irrequieto, nervoso e triste se non può accedere alla rete.

Facebook è il social network più amato: quasi tutti hanno un profilo e ben l’85,6% dei ragazzi dai 12 ai 18 anni lo utilizza, 7 su 10 si connettono tutti i giorni, molti hanno più di 500 amici e più della metà di loro (il 54%) “colloquia” abitualmente con persone sconosciute.

Al giorno d’oggi i ragazzi vivono “collegati”. E’ la nuova droga, iniettata nel cervello e alla portata di tutti: non costa nulla perché la connessione è pagata  da papà, non sembra creare problemi alla salute, e tanti genitori lasciano fare. Affetti da dipendenza psicologica dal web, che si manifesta con caratteristiche specifiche, come il bisogno di rimanere connessi alla Rete il maggior tempo possibile e la presenza di sintomi di astinenza ((irascibilità, depressione, ansia, angoscia, insonnia).

E pensare che la mia è stata la generazione della “tvdipendenza”, dove il pericolo era  passare troppe ore davanti al televisore, che ti immergeva in un mondo fantastico e irreale, ma accanto a questo strumento elettronico esisteva ancora un mondo di pensieri scritti sulla carta  e amicizia vera, umana, tangibile.   Ora il tempo della concentrazione della lettura è stato rimpiazzato dalle vibrazioni velocissime dei bit che ti connettono al mondo e gli amici sono virtuali. Saper aspettare e il contatto  umano sono  nozioni che il nostro tempo sembra aver dimenticato.  Facebook ridefinisce il concetto di “amicizia” tra reale e virtuale. Finita anche l’era delle lunghe conversazioni al telefono, i ragazzi amano soprattutto parlare via sms. Un mondo che ha spezzato la comunicazione sintetizzandola al massimo. Un mondo di ragazzi catturati dalla rete, incapaci di vivere senza.

Internet ha di fatto sostituito per gli adolescenti italiani la tv, la lettura, lo sport, il telefono e il cinema, diventando di fatto una esperienza totalizzante. Un “luogo virtuale” in cui ci si sente più a proprio agio che nella “vita reale”, o che consente di “sfuggire” dai problemi e dalle difficoltà del quotidiano. Usando gli strumenti più economici e veloci che ti intrioettano  in un mondo di applicazioni che permettono di chattare molto più rapidamente.Confusi e infelici, vivono la  tecnologia come un prolungamento del proprio essere. Internet per non pensare e per sentirsi meglio; un “luogo virtuale” in cui ci si sente più a proprio agio che nella “vita reale”, o che consente di “sfuggire” dai problemi e dalle difficoltà del quotidiano.

Una generazione che si allontana sempre più dal rapporto parentale e i genitori  non sempre dispongono degli strumenti per comprenderli appieno e per inserirli nel dialogo educativo. La funzione educativa oggi risulta  più faticosa che in passato perché il competitor è una società che è sempre più tecnologica, frenetica e frammentata. La consapevolezza dei rischi connessi ad un utilizzo acritico della Rete è un obiettivo da raggiungere non solo con i ragazzi, ma soprattutto con gli adulti che stanno loro accanto.

Noi siamo stati i “figli di Gutenberg” loro sono i “nativi digitali”, vanno educati ai nuovi media,  aiutati a riconnettersi con la realtà e a usufruire dei mezzi tecnologici come strumenti non come sostituti.

 

Annunci

4 thoughts on “Dal libro al computer

  1. A parte Facebook che uso poco e saltuariamente, sono perennemente “collegato” anche io. Oggi la tecnologia ci permette questo, quindi iphone, ipad, notebook ecc, favoriscono queste possibilità. Il problema per i ragazzi è che non sono in grado di capire quando certi comportamenti creano dipendenza e quindi vanno controllati perchè pericolosi. Io ogni tanto “stacco” completamente per alcuni giorni, sparisco dalla Rete. La TV la guardo poco o almeno guardo quei programmi che veramente mi interessano, altrimenti leggo libri.
    Ciao

  2. Ovviamente tu hai la capacità di discernimento delle proprietà dei mezzi, per contro sto vivendo la situazione familiare di un ragazzino che presenta i sintomi della dipendenza e che preoccupa i familiari che lo amano (pur essendo una famiglia ricca di stimoli e aperta al dialogo) – è un problema che si sta affacciando nella nostra società ed è giusto affrontarlo con sensibilità e attenzione – ciao

  3. Gutenberg non Gutemberg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...