www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

L'Italia s'è desta e protesta

6 commenti


Roma e la Sicilia coalizzate contro il decreto sulle liberalizzazioni. Una fase critica per il governo tecnico come evidenziano i servizi dei Tg di Rai 3 e de La7, che ora deve affrontare non solo la crisi ma anche lo scontro sociale di un’Italia molto provata e  che guarda all’ingiustizia come ad un solco divisorio tra chi chiede di salvare il paese e chi ha già duramente sopportato e pagato in precedenza. E’ sciopero totale ed è caos nelle città. Si muovono come un sol uomo i tassisti: sono organizzati, compatti e decisi e ogni volta hanno fatto sì di metter in ginocchio le città.

Liberalizzazioni, il giorno della potesta dei tassisti (Credits: Ansa)44 gli articoli che tra poco arriveranno e che saranno ad ampio raggio: dalla stretta sui costi bancomat ai possibili sconti sulla Rc auto, dalla vendita dei farmaci anche fuori dai turni alla cancellazione delle tariffe dei professionisti, notai compresi. Le parole d’ordine sono “mercato” e “concorrenza” in tutti i settori.  Liberare la crescita è l’intento del governo che ha scatenato le proteste dei taxisti che partite da Roma  si sta allargando a macchia d’olio al grido di “la licenza non si tocca” per giungere fino alla lontana Sicilia dove i camionisti aderenti all’Associazione imprese d’autotrasportatori siciliani, agricoltori riuniti nel “Movimento dei forconi” e pescatori  bloccano strade, ferrovie, porti, per protestare contro l’aumento del prezzo di carburanti e tariffe autostradali.

Tutti decisi a consumare la loro battaglia finché Monti non darà loro ragione. Vogliono colloquiare con le istituzioni e avere risposte a legittime richieste. Fanno pressione e promettono di andare avanti con la determinazione di chi si sente in trappola. La protesta dal basso è forte, volti tesi, arrabbiati.  Il traffico è in tilt e paralizza  la Sicilia che accusa anche l’aggravante dell’invisibilità. Da giorni la protesta era in atto ma gli organi di informazione tiepidamente ne hanno dato notizia, eppure il disagio è forte,  il carburante scarseggia, la disoccupazione è alta, le scorte alimentari diminuiscono e incombe l’incubo del mercato nero ma  la voglia di ribellione sta risalendo in tutta l’isola. I primi ad accendere la miccia sono stati gli autotrasportatori ma le contaminazioni di fasce precarie e disoccupati, si saldano con tassisti e metalmeccanici.  Ora la voce  dilaga e la tensione sale di ora in ora, dopo che nei primi giorni la loro protesta era passata quasi inosservata, i trasportatori siciliani vogliono ora farsi sentire in tutta la penisola.

Il risultato sarebbe un esercito rivoluzionario. Dopo le primavere arabe è finalmente il turno di quella italiana? Il destino delle piazze romane e  siciliane è comune e minacciano l’inferno, con conseguenti occupazioni di ministeri. Un esercito rivoluzionario popolare di almeno un milione di persone che potrebbe occupare ed espugnare Roma. Proteste dure e clima teso.  Sul piede di guerra le vittime della crisi che chiedono lavoro. La rivolta è scoppiata e, al di là dei metodi, non possiamo fare finta di nulla o minimizzarla, la politica  deve farsi carico di un’azione concreta nei confronti dei cittadini.

 

Annunci

6 thoughts on “L'Italia s'è desta e protesta

  1. Ma quali sono le ragioni dello sciopero in Sicilia? Si parla genericamente di costo del carburante, di governo regionale che non sa farsi rispettare. Ma io mi chiedo: queste persone che in questi giorni sono scesi per strada, prima dov’erano? Per chi hanno votato? Chi ha eletto Raffaele Lombardo alla presidenza della Regione? Non ci scordiamo che in questi anni la Sicilia è stato un serbatio di voti per il centrodestra.
    E allora, va bene la protesta, ma chiediamoci chi ci sta dietro e che cosa si deve fare una volta che i blocchi verranno tolti.
    Per il momento, comunque, a subire le conseguenze di questo sciopero sono i comuni cittadini, che non possono più fare la spesa, mandare i figli a scuola, andare al lavoro. Mah…

    • I cambiamenti devono maturare dentro alle persone e sono difficili, richiedono tempo – le tue considerazioni sono giuste ma credo sia un inizio su cui costruire – la rabbia sta salendo in tutta Italia e alla rassegnazione passiva preferisco l’indignazione e la protesta – ciao e grazie

  2. Credo che questa protesta che sta salendo, abbia tutti i connotati inversi di quello che è successo nelle primavere arabe.
    Qui si protesta per mantenere lo status quo, per mantenere privilegi di categorie, le corporazioni e le lobby, ma non si protesta per i precari e neppure per i licenziamenti.
    I licenziati, i precari, i cinquantenni rimasti senza lavoro, gli insegnanti rimasti a casa dopo la riforma Gelmini, non hanno nemmeno un briciolo della forza di queste associazioni corporative. E neppure i soldi.
    Ciao Loretta, un abbraccio.

  3. credo che la protesta si stia allargando e dopo anni di passività le persone comincino a credere nella forza della protesta, piano piano ci stiamo risvegliando dal torpore – la disperazione è un buon motore – se all’orizzonte non si prospetta la speranza che da fiducia e forza, la protesta aumenterà numericamente coinvolgendo tanti settori che ancora subiscono – ciao e grazie

  4. Spero che tutti i vari feudatari che hanno imbrigliato l’italia…tassisti..notai…commercialisti..certificatori energetici…vadano tutti a farsi fottere..
    questo purtroppo so già che non succederà..e noi continueremo a pagare un notaio o un geometra non in base alle sue capacità o al mercato ma in base alle tariffe professionali..cioè uno può anche essere deficiente ma se protetto …ha il suo tornaconto.
    a.y.s. Bibi

  5. sono tante le cose da risanare in Italia ma il tempo stringe – la morsa è pressante e sinceramente nonostante i tentativi del governo Monti tutto ancora passa attraverso le maglie di una classe dirigente interessata ed egoista – per crescere e ricominciare occorre la buona volontà dei cittadini ma anche di chi li governa e su questo ho dei seri dubbi – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...