www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Miracolo: tagli alla casta!

6 commenti


Dopo il rinvio di dicembre,  le promesse che entro gennaio il Parlamento avrebbe tagliato i costi della politica, sono state mantenute,   la scadenza è arrivata: 31 gennaio. Mentana da la notizia nel Tg de La7 . Riduzione dello stipendio con effetto immediato. La Camera ha messo mano agli stipendi.

“Eppur si muove”…e…qualcosa di diverso da oggi c’è!

Gli occhi di tutti erano puntati sulla tanto decantata equità, gli italiani dopo la richiesta dei sacrifici giunta alla velocità della luce, da bravi “San Tommaso” attendevano la resa dei conti. Per rimettere in sesto le finanze dello Stato serviva anche il “sacrificio” dei privilegiati che fino ad ora, indifferenti a tutto e tutti hanno perseguito la logica egoistica del “pancia piena non pensa a quella vuota”.

Tutti coloro che rivestono un ruolo istituzionale, dal presidente della Camera, ai questori, ai presidenti di commissione, saranno sottoposti a un taglio del 10% dell’indennità di ruolo. I dipendenti passeranno al regime pensionistico contributivo, come il resto degli italiani, e non potranno percepire la pensione, il cosiddetto vitalizio, dai cinquant’anni di età, ma almeno dai sessanta. 1.300 euro lordi, circa 700 euro netti in meno alle entrate i di tutti i deputati. Alla luce del fatto che  ogni deputato avrebbe avuto in busta circa 6-700 euro netti in più, con il previsto aumento dell’indennità, cosa che sarebbe risultata molto sgradevole per gli italiani, si è deciso quindi di congelare questo denaro in un fondo. Successivi provvedimenti ne determineranno l’utilizzo. E noi attendiamo.

Dunque è l’inizio di un cambiamento. Una sforbiciata alle indennità.

Le entrate del deputato sono toccate, ma non nell’entità. Cifre che rimangono molto alte rispetto al rapporto qualità-prezzo. Dicono che è  una soluzione provvisoria,  si pensa di fare una legge sullo statuto del collaboratore parlamentare. E noi attendiamo.

Le forbici di Monti colpiscono anche la casta, ma c’è chi si ribella, la Melandri non ci sta. E lo dice chiaro e tondo, che per lei i tagli ai vitalizi per i parlamentari sono un’ingiustizia. Da politico di professione, spiega che ha lasciato gli altri incarichi quando è arrivata a Montecitorio. E quindi adesso per lei sarebbe penalizzante perdere gli emolumenti.

Perché non fanno una bella manifestazione con tanto di corteo? Avranno certamente la solidarietà di chi si vede bloccare gli scatti, gli aumenti contrattuali, l’adeguamento all’inflazione di stipendi e pensioni, la buonuscita, le detrazioni fiscali o  è senza lavoro.

Insomma la categoria dei privilegiati che hanno affossato l’Italia ha anche il coraggio di lamentarsi del contributo richiesto per la salvezza del loro Paese. I politici che sono il simbolo di vizi e privilegi italiani, sono scontenti del  via libera alla riforma dei vitalizi e ad altri tagli che alleggeriranno le buste paga dei parlamentari.

In un mondo nel quale per anni   i privilegi aumentavano, la semplice applicazione del contributivo per i vitalizi è una misura scioccante. Certo, l’adozione del sistema contributivo per il calcolo dei vitalizi è un cambiamento: anche se sarebbe stato preferibile, e più equo, ridurre gli stipendi ai modelli europei, abolire i vitalizi. Certo la riduzione allo stipendio è un segnale ma pensare che i politici si ribellino al fatto di cominciare a prelevare anche dai loro  stipendi e vitalizi, visti i sacrifici chiesti ai cittadini è davvero il colmo.

Spero per loro che facciano il sacrifico di adattarsi…

Annunci

6 thoughts on “Miracolo: tagli alla casta!

  1. Cara Loretta, quando si ha a che fare con i politici italiani occorre sempre dubitare, mai fidarsi delle apparenze.
    Difatti la riduzione è solo un’illusione ottica. La decisione arriva infatti contestulamente con quella, presa sempre dalla presidenza di Montecitorio, che prevede il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo dei deputati.
    Passaggio, questo, richiesto a gran voce per equiparare il criterio per l’assegnazione della pensione agli onorevoli a quello dei “comuni mortali”. Ma senza modifiche la nuova norma avrebbe l’effetto paradossale di aumentare il netto in busta paga agli eletti, dal momento che i vitalizi entravano nell’imponibile ed erano dunque tassati, mentre i contributi previdenziali no.
    Per correre ai ripari, l’ufficio di presidenza decide allora di tagliare 1.300 euro lordi alle indennità. Risultato? Per i deputati il taglio è solo formale perché lo stipendio netto in busta paga resterà lo stesso, anche se per lo Stato si dovrebbe comunque trattare di un piccolo risparmio.

  2. grazie per la precisazione – speriamo solo che sia un inizio e che si arrivi alla famosa equità di diritti e doveri o la gente affamata e disperata darà libero sfogo alla rabbia – la storia lo insegna, dai e dai, arriva la reazione e non è mai pacifica! ciao

  3. Diffido molto della frasetta “soluzione provvisoria”, in questo paese nulla è più stabile del provvisorio.
    Ciao

  4. ciao silvana, in effetti, qualche dubbio pervade anche la sottoscritta, spero solo sia l’inizio che smuove le coscienze, non è più possibile accettare una disuguaglianza basata sulla scorrettezza a danno dei cittadini – ciao e grazie

  5. Finché non vedo nero su bianco e con estrema precisione gli estremi di questi provvedimenti non mi fido. Non c’è da fidarsi di questi qui.

  6. eh siamo tutti dubbiosi, nonostante il cambio, i dubbi restano, la mentalità egoistica della classe politica è radicata e volenti o nolenti prima di scrollarcela di dosso passerà ancora tanto tempo – speriamo che questo segnale sia l’inizio di un vero cambiamento di rotta e si punti verso la giustizia – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...