www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Il giudice della vergogna

6 commenti


Una brutta notizia quella che Enrico Mentana è costretto a dare. In una giornata caratterizzata da  importanti avvenimenti politici, spicca la vicenda di un giudice comprato dalla mafia attraverso i viaggi del sesso, come risulta da uno scrupoloso e attento diario telematico nel quale il giudice di Palmi arrestato  nell’ambito di un’indagine condotta a Milano sulla ‘ndrangheta, segnava annotazioni particolari e voti sulla qualità delle prestazioni ricevute.

Un resoconto squallido come squallida era l’ossessione del sesso e dei soldi che hanno indotto il giudice Giancarlo Giusti a cedere immediatamente ai richiami del clan mafioso dei Lampada che gli hanno offerto da subito donne pagate, divertimenti, affari, conoscenze utili. Stupefacente è la rapidità  con cui Giusti si unisce a Lampada per alzare il suo tenore di vita alla ricerca spasmodica di occasioni di guadagno parallele in operazioni immobiliari e di varia altra natura.

In un clima italiano difficile, a mettere benzina sul fuoco della corruzione arriva anche la magistratura , il giudice inquisito ha tradito la sua missione.  Si è concesso notti in albergo in compagnia di escort offerte gentilmente da “casa Lampada” e tra vino, amori, affari viaggi, soggiorni ha venduto al clan la propria funzione violando i principi di imparzialità, probità e indipendenza.

Un quadro deprimente che fa emergere ancora (come se ce ne fosse bisogno) che sesso e soldi sono armi convincenti per ottenere favori e illegalità da parte di chi è fragile, debole e con  propensione caratteriale a entrare  in un vorticoso giro di scambi illeciti. Per due anni ossessionato dal sesso e dalla spasmodica voglia di soldi ha favorito l’associazione mafiosa sfruttando la sua professionalità per affiancare i criminali.

Sconcerto e indignazione scuote l’opinione pubblica, la toga calabrese, figura di spicco di Magistratura democratica, in prima fila nelle battaglie per la legalità e nei convegni di diritto, era la talpa della ’ndrangheta nel tribunale di Reggio. Ai boss Lampada, con cui si intratteneva al telefono con mille salamelecchi  spifferava ripetutamente i segreti delle indagini. Non bastava la politica, per non farci mancare nulla ora, aggiungiamo alla lista della corruzione  aggravata dalla finalità mafiosa anche i giudici.

Relazioni pericolose, soldi facili e bella vita sembrano volere imperare nella logica che di fronte ai soldi non si guarda in faccia a nessuno, modelli di vita a cui ambire, unici mezzi per il successo, ma a quale prezzo?

Annunci

6 thoughts on “Il giudice della vergogna

  1. Fatto emblematico dello squallore di questi tempi.

  2. già, purtroppo ennesimo esempio di corruzione a scapito dell’etica professionale – ciao e grazie

  3. Purtroppo abbiamo scoperto che anche i giudici si fanno corrompere a partire dal Lodo Mondadori. Come ha detto Alberto è ormai un evento squallido ma emblematico di questi tempi.
    Ciao

  4. La corruzione impera e sporca il nostro vivere quotidiano, ruba la fiducia e la speranza nel futuro – ciao e grazie

  5. Sono i figli, i parenti, gli amici degli amici che fanno carriera, cambiano stile e si infiltrano dappertutto, anche nella giustizia.
    E per mascherarsi meglio, stanno, pro forma, nel campo avverso, fingono di fare gli anti ‘ndraghetisti.
    Che schifo e poi in Italia sarebbe l’articolo 18 che frena gli investimenti esteri? O piuttosto questa estesa, seminascosta e feroce corruzione?
    Ciao Loretta, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...