www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Smascherare le truffe

4 commenti


Le leggi tutelano i più deboli ma, a volte, qualcuno più furbo, se ne approfitta. L’argomento che ci fa arrabbiare è trattato da Fuori Tg la rubrica di approfondimento che va in onda dopo il telegiornale di  rai3. Ci adiriamo perché quando parliamo di invalidi sappiamo che ci sono anche i falsi invalidi che fregano gli altri e il danno diventa maggiore perché, chi ne paga le conseguenze sono coloro che devono superare un inutile accanimento per verificare la reale disabilità. Una realtà dolente che amaregga la vita di tutti e fa scattare  una grande indignazione verso coloro che truffano la collettività. Se un parametro del grado di civiltà è la cura che la comunità riserva ai suoi membri più sfortunati, il sangue ribolle nelle vene quando si identificano truffatori che simulano invalidità al solo fine di recepirne l’indennità. E quando vengono scoperte organizzazioni che procurano documenti falsi, allora la rabbia aumenta   perché se il truffatore che riesce a vendere il Colosseo è quasi simpatico e,certamente, geniale, il falso invalido disgusta: truffa, ruba e vive alle spalle di persone cui deve andare tutta la nostra compassione, solidarietà ed aiuto fattivo.

Nel contempo, non si può sottotacere che per ottenere una certificazione che attesti fraudolentemente un’invalidità inesistente sono necessarie un numero non indifferente di connivenze, più o meno interessate, ma pur sempre connivenze a fine di delinquere. Per questi motivi, i medici che hanno rilasciato certificati falsi, quelli che li hanno accettati facendo finta che fossero veritieri o che non hanno fatto alcun controllo o verifica, nonché i funzionari che siano stati coinvolti nel processo decisionale dovrebbero essere, a loro volta pesantemente sanzionati. Oltre a dover concorrere a rifondere alla collettività il maltolto.

I casi di falsa invalidità accertati a Napoli, sono 210 e solo nel 2011, un danno economico quantificabile in 8000 €, tralasciando le somme percepite negli anni precedenti.  Una galleria degli imbrogli che si arricchisec ogni giorno di fatti eclatanti, malati terminali di tumore ai polmoni sorpresi tranquillamente a fumare, ciechi dalla nascita che vanno in bicicletta o guidano l’auto e l’elenco si potrebbe allungare.

Il denaro degli enti previdenziali viene sperperato, prende mille rivoli attraverso la produzione di falsi materiali finalizzati ad ottenere i trattamenti pensionistici. Nel momento in cui i truffatori ottengono il riconoscimento della pensione ottengono anche tutti gli arretrati, e sappiamo bene quali cifre si possono raggiungere in questo modo. Un quadro sconvolgente.  Bisognerebbe accertare le situazioni con maggiori garanzie, verificando i requisiti sanitari che necessitano di tutela, instaurare un dialogo chiaro tra sanità e Istituzioni che alleggeriscano il disagio già grave o si rischia di far passare per malati anche i figli cardiopatici dei cardiopatici, come  è successo a Napoli, dove padre, madre e tre frugoletti al seguito risultavano talmente messi male a livello di cuore da riuscire a riscuotere tutti e cinque la pensione. I controlli avviati sul caso hanno appurato che invece stavano tutti benissimo.

E se la Guardia di Finanza deve far fatica per smascherare le truffe, pensiamo a quanta fatica devono fare i reali invalidi per farsi riconoscre  la legge 104 o l’accompagnamento. Il contrasto alle frodi in materia di invalidità civile, certamente indispensabile ed auspicabile per ripulire e risanare certe realtà fortemente degenerate, rischia, in certi contesti, di irrigidire eccessivamente la criteriologia valutativa medico‐legale, allontanando il sistema dai bisogni concreti e reali del soggetto invalido. Un calvario che va alleggerito soprattutto dal clima di sospetto che grava sui malati che si sentono sempre sotto accusa e sottoesame perchè non trovano interlocutori sensibili e manca anche la comunicazione tra Enti. Si rischia di oscillare tra lassismo e accanimento. È necessario trovare una linea guida valutativa per verificare i requisiti sanitari,  perché come se non bastassero gli approfittatori, oggi si aggiunge anche la crisi con i suoi tagli che rischia di far ributtare il sociale nel sanitario diventando un grande affare per le società private. Il primo presidio a tutela dei malalti è all’interno delle famiglie, bisogna sostenere e aiutare i familiari che tra parentesi hanno costi minori rispetto  al ricovero ospedaliero.

Stando agli ultimi dati forniti dall’Inps, la quota dei falsi invalidi si aggirerebbe intorno al 4%: un enorme spreco di risorse per lo Stato. Le truffe e gli abusi ai danni dell’Inps e dunque dell’intera collettività sono all’ordine del giorno. Ed è più doloroso accettare di essere gabbati dai furbastri quando si è impantanati in una crisi economica che mette a rischio anche le pensioni concordate per chi sta perdendo il posto di lavoro o per chi è in cassa integrazione e non solo, ogni falso cieco che prende soldi li toglie ad un cieco vero che ne ha realamente bisogno.

Annunci

4 thoughts on “Smascherare le truffe

  1. … faccio fatica a rassegnarmi all’idea ma, sempre più spesso, penso di vivere in un Paese dove, dal più piccolo al più grande, l’attività predominante sia il latrocinio!

    Ciao Loretta, buona Pasqua anche a te.

  2. Dai continui scandali sembra proprio che il coperchio della legalità non riesca più a contenete i furbi e gli approfittatori, forse abbiamo completamente dimenticato che approfittare dello Stato significa calpestare tutti noi, perché lo Stato siamo proprio noi, tutti noi, che ci viviamo dentro e che ne paghiamo le conseguenze! ciao e grazie

  3. I primi a calpestarci sono i politici e per somme ben più consistenti, mandiamoli a casa, che a volte sono proprio loro, che per ottenere voti, suggeriscono come fare per ottenere l’nvalidità o altri benefici per terremoti o cose varie.

    • benvenuto! – che il cattivissimo esempio ci giunga dai vertici della nostra classe dirigente è da tempo assodato, resta comunque, una cattiva abitudine che gli italiani dovranno modificare se vogliamo tornare a consuiderarci un popolo civile. ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...