www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Benarrivata estate in nero!

8 commenti


Denaro invisibile che deve viaggiare senza essere intercettato, questo l’argomento trattato dal sostituto di Lamberto Sposini, Marco Liorni nella trasmissione pomeridiana : La vita in diretta su Rai1. Con gli esperti presenti in studio, si parla di evasione fiscale partendo dalla situazione delle case affittate in nero.

“Fate un contratto?. “Per carità, io vado sulla fiducia. La parola conta più di tutto…”. Benvenuti nell’estate in nero, il magma sotterraneo degli appartamenti in affitto per qualche settimana di vacanza, quasi sempre senza contratto né ricevuta. Così risulta dall’inchiesta con telecamere nascoste effettuata dai giornalisti che si sono finti turisti. Poche settimane, tanto nero, una stretta di mano e il  gioco è fatto. Per la prossima estate offresi: vista panoramica, balconi  e giardino a soli 20.000 € per il mese di agosto e amici come prima. Ovviamente i prezzi cambiano a seconda della zona e della tipologia abitativa ma, la variabile costante rimane l’evasione. Da giugno a settembre, crisi permettendo, scompariranno  80.000 €, e se arriva un controllo, si risolve in qualche modo…Alla faccia dei blitz a Cortina e della linea dura contro l’evasione. E se si vuole un contratto registrato i prezzi lievitano.

L’estate degli italiani sarà all’insegna dei soldi in bocca. L’economia del nostro paese vive sul mercato nero.

Chi offre un regolare contratto, da stipulare se l’affitto è di almeno 30 giorni, o rilascia la ricevuta fiscale rappresenta non più del 20 per cento, quasi un’eccezione a fronte dell’80 per cento che dice chiaramente di volere contanti, di accontentarsi di una stretta di mano o di temere l’intervento della Guardia di finanza. Un’economia sommersa che prolifera proprio mentre arriva un’altra stangata sugli onesti. È offensivo per i tanti contribuenti onesti. Bisogna diffondere la cultura che considera gli evasori al pari dei ladri perché l’evasione è truffa ai danni dello Stato ovvero, di tutti noi cittadini.  Nel nostro paese la frode fiscale sta diventando una vera e propria piaga sociale, che sta aumentando con il passare degli anni. Per contrastare questa frode non basta che i proprietari facciano due conti con la loro coscienza, ma occorre che ognuno di noi pretenda un contratto registrato regolarmente.

In Italia alcuni continuano a evadere le tasse, creando un danno economico e sociale di vaste dimensioni, non curanti delle conseguenze della loro azione e, in alcuni casi, anche orgogliosi di prendersi gioco dello Stato. L’evasione è uno dei numeri uno, del nostro paese.

Oltre all’affitto in nero esiste anche un’economia sommersa legata alla criminalità, agli scontrini non battuti, alla corruzione delle pubbliche amministrazioni e, a tante altre furberie, che contribuiscono a questa Italia che arranca, dibattuta nell’economia internazionale che oscilla,  e dove risulta faticoso trovare una via d’uscita.  Del resto fa sempre comodo tenersi in tasca qualche euro in più senza farlo sapere allo Stato. Che sia un danno per l’intera comunità e un reato punibile dalla legge poco importa; si va avanti così da anni, sperando che la Fiamma gialla non bussi mai alla porta.

Va bene allora chiedere un maggiore impegno alle parti politiche affinché si mettano in campo iniziative concrete per la ripresa economica e sociale del paese. Ma è giusto anche chiedere agli italiani di cambiare atteggiamento e abbandonare i consueti vizi: l’evasione fiscale è un reato, non è accettabile in un paese democratico, non è un vanto ma una vergogna.

L’Italia ha degli obiettivi da raggiungere nei prossimi anni, con molti debiti da saldare e garanzie da dare ai cittadini. Agli stessi cittadini, però, si chiede l’impegno di diventare cittadini civili, responsabili delle loro azioni. È un principio di civiltà  che va inculcato. Tutti i flussi finanziari devono essere tracciati e controllabili. Dobbiamo smettere di considerare furbo chi evade le tasse e sciocco chi le paga, perché quell’Italia furba e egoista fa pagare un prezzo amaro ai contribuenti onesti.

L’evasione fiscale serve solo ad accumulare ricchezza per il proprio comodo e francamente non mi sembra etico, nei confronti di coloro che sono costretti a versare “lacrime e sangue” nel tentativo di risolvere la difficile situazione in cui tutti viviamo.

Annunci

8 thoughts on “Benarrivata estate in nero!

  1. Al solito hai scritto un bell’articolo.
    Scrissi, non so se l’hai letto:
    http://quarchedundepegi.wordpress.com/2012/01/27/appendice-n-1-a-vi-faccio-arrabbiare/

    e ci siamo accorti che la Guardia di Finanza è diventata molto brava. Prima cosa faceva?
    Gli appartamenti di vacanza in nero non ci sarebbero se i comuni facessero indagare ai propri vigili… che di solito fanno solo multe per divieto di sosta!
    Gli appartamenti normalmente vuoti con all’interno personaggi residenti in altri comuni potrebbero essere facilmente individuati. Per prima cosa si può riscuotere la tassa di soggiorno (o in Italia è obsoleta?) che può essere utile alle casse del comune, in secondo luogo si può chiedere al proprietario dell’appartamento, facilmente individuabile, che contratto ha stipulato. Se in quel comune comincia a circolare la voce che vengono fatti certi controlli, alla stretta di mano seguirà una firma.
    Non ho visto la trasmissione, ma trovo ridicolo consumare così tanto tempo per far finta di voler risolvere un problema così semplice. Naturalmente se in quel determinato comune piace solo piangere miseria e non c’è la volontà di lavorare seriamente, allora mandiamo loro un pacchetto di fazzoletti per asciugarsi le lacrime e un rotolo di carta igienica per…

  2. La trasmissione non voleva essere risolutiva, denunciava solo la situazione generale dell’evasione italiana, compresa l’abitudine di portare i soldi in Svizzera facendoli sparire, io ho privilegiato l’aspetto degli affitti estivi, semplicemente perché si sta avvicinando il periodo di vacanza e con la gente in ginocchio che non sa come arrivare a fine mese, disoccupata e con l’imu incombente è meglio gridare ad alta voce che se tutti fossimo onesti il peso da sopportare sarebbe inferiore – ciao e grazie

    • Ho capito perfettamente il tuo pensiero ma… fra tutti quelli che oggi piangono quanti sono quelli che prima se ne “strafottevano” di tutto e di tutti?… e si facevano solo gli affari loro e si consideravano dei “dritti”?
      Quanti comuni facevano pagare ai turisti in case private la tassa di soggiorno?
      Lo scrissi: manca onestà, educazione e rispetto.

  3. Il “nero” nel nostro Paese non va mai in vacanza. E’ sempre abbronzato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...