www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Il verdetto delle amministrative

Lascia un commento


All’ombra del tragico fine settimana, tra una bomba e un terremoto si sono concluse le elezioni amministrative che vedevano riflesse i malumori italiani e le nuove aspettative. Mentana, si collega da studio e parte nel primo pomeriggio, con una lunga diretta, finisce, con il riassunto serale nel telegiornale, infine  cede la parola agli altri appuntamenti che bene o male intavolano il confronto dialettico sul nuovo panorama politico, disegnato dal voto.

I risultati di alcune sfide chiave di questa tornata elettorale per le Amministrative, caratterizzata dalla bassa affluenza, segnano l’esploit dei grillini, a Parma che portano un caldo vento di novità, un’aria di cambiamento che in Italia si aspettava da tempo, con la vittoria di Federico Pizzarotti. E non solo, il  Pd non brilla ma si proclama vincitore. Udc snobbato dagli elettori. Caduta libera del Pdl, con particolare riguardo alla debacle registrata al Sud che si inserisce in un quadro elettorale molto mutevole. E in  questo periodo di passaggio che prelude all’anno che verrà, la Lega perde tutti i seggi in cui era impegnata.  Tonfo assoluto, con l’unica fiammella verde a Verona  che consacra ufficialmente il cambio di leadership e da il via ad una effettiva nuova stagione del Carroccio a guida, Roberto Maroni.

Sarà la coda e l’agonia della vecchia maggioranza?

Lo vedremo, intanto prendiamo atto che dobbiamo costruire la terza Repubblica con un sistema che garantisca trasparenza.  Leviamoci la zavorra ed entriamo in una nuova fase che cambierà la politica. Un voto importante che segna la clamorosa vittoria del M5s che ha ottenuto il 60% dei voti e che ora si proietta al centro della scena. Mentre le forze politiche stanno a guardare, il nuovo sindaco viene accolto festosamente i piazza, lo aspetta il buco economico, dopo gli scandali e il commissariamento. Ma è chiaro che si respira un altra aria a Parma, un cambio radicale che avanza temerario, contro la vecchia e statica politica.

Una vittoria dei cittadini scontenti, un segnale chiarissimo ai partiti. Nei numeri elettorali, ci sono le sfide che attendono  l’attuale classe dirigente perché parecchie città hanno cambiato bandiera. Travolti da un flop elettorale devono prendere atto che qualcosa è cambiato, che i cittadini chiedono altro. Un campanello d’allarme che la politica non può non aver sentito.

Le elezioni amministrative sono finite e ci mostrano la foto di un paese profondamente scosso dalla crisi, una crisi che è sociale e politica. Un  turno elettorale che lascerà il segno, in questo fine settimana particolare, dove l’Italia si sta leccando le ferite dopo la bomba di Brindisi e il terremoto emiliano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...