www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Moneta di scambio in forse

9 commenti


Sky Tg24 economia,  l’approfondimento del tardo pomeriggio, condotto da Alessandro Merenzi  afferma che è la prova del fuoco per Monti, riferendosi all’impegno europeo che dovrà fronteggiare nei prossimi giorni, per salvare l’euro. E’ l’ultimo treno per portare l’euro fuori dalla fase acuta della crisi. Sul clima del supervertice, pesano, i troppi, no della Merkel.

Il Consiglio europeo si preannuncia davvero molto teso. Nel mirino le persistenti reticenze della cancelliera Angela Merkel a prendere in considerazione qualsiasi proposta che preveda forme di mutualizzazione del debito (eurobond) o delle garanzie dei depositi bancari, la ricapitalizzazione diretta delle banche da parte del “Fondo salva Stati” o l’intervento “automatico”  degli stessi fondi per contenere gli spread sui mercati secondari dei titoli di Stato.

Da quando c’è l’euro, abbiamo perso la produttività, impossibile recuperarla in breve tempo, quello sarebbe il vero miracolo per ritrovare un valore monetario che ci consentirebbe di uscire dalla crisi che attanaglia il nostro paese. E’ un problema di potere economico.

Mancano le grandi idee ma, in questi giorni si prenderanno grandi decisisoni.

L’Europa è tra l’incudine (Cina) e il martello (Stati Uniti), siamo l’anello debole della catena e non abbiamo neppure una voce unica che ci permetta di farci riconsiderare nei confronti del dollaro. Monti, porta con sé il via libera alla riforma del mercato del lavoro, approvata  dal parlamento, è determinato a mettere sul tavolo alcune proposte per ” migliorare il meccanismo di governance del mercato del debito sovrano”.

Speriamo che le belle parole riescano a porre rimedio alle nostre disfunzioni.

L’Europa continua a essere una  condizione geografica, non politica e unitaria.  E’ un oggetto irreale. Troppi ancora i singoli interessi che la alimentano e che producono una discrepanza fra le aspettative degli attori sociali e ciò che realmente si verifica.  La crisi dell’euro, ne è un esempio,  per le autorità è generata da un problema fiscale, e quindi hanno usato la medicina sbagliata. Hanno applicato politiche di austerità anziché espansive. La crisi dell’euro minaccia di distruggere l’Unione europea. Il problema è venuto  alla luce: si è realizzata l’unione monetaria ma non un’unione politica ed economica.  La Germania ha accresciuto la propria competitività mentre altri paesi, grazie alla facilità di accesso al credito, sono diventati meno competitivi e dal 2008 in poi hanno accresciuto il proprio disavanzo. Alcuni paesi sono diventati creditori, altri debitori. Oggi la Germania e gli altri paesi creditori stanno spostando l’onere dell’adeguamento alla crisi ai paesi debitori. Tutta la colpa è stata scaricata ad essi, ai paesi della “periferia”.

E se il vertice fallisce?

Oggi tutti i paesi stanno riallineando le loro politiche finanziarie come se il fallimento dell’eurozona fosse possibile. Monti punta a fare approvare un intervento “automatico” sui mercati finanziari da parte del “Fondo salva Stati” con acquisti “calmieranti” dei titoli degli Stati “virtuosi”, ogni qualvolta il differenziale supera soglie ben determinate. L’economia reale sta declinando, tranne che in Germania, il che accresce le fratture interne alla Ue. L’opinione pubblica dal canto suo si oppone sempre di più all’austerità, già vissuta. Bisogna uscire dal vertice con soluzioni che ci consentano di farci percepire bene sul mercato, bisogna segnalare che esiste un  percorso unitario, non possiamo vendere fumo. Il sistema comincia a sgretolarsi, dobiamo ridisegnare il concetto europeo. Servirebbero politiche straordinarie per dare respiro ai mercati finanziari. Esse dovrebbero affrontare il problema bancario e il problema dell’eccessivo indebitamento.

Incognite roventi. Non si rivoluziona l’Europa in 48 ore. I paesi gravemente indebitati hanno bisogno di respiro. E’ indispensabile il sostegno del governo tedesco e della Bundesbank. Dobbiamo fare il possibile per convincere la Germania ad assumersi interamente il ruolo di leadership in modo cooperativo. Ora la  responsabilità principale ricade sulla politica, e sulla capacità persuasiva del nostro SuperMario.

La crisi non è stata creata dagli strumenti finanziari.

La crisi non si risolve annullando il debito, ma, costruendo la produttività, è il problema cronico italiano e ora il tempo è finito o il nostro futuro sarà senza speranza.


Annunci

9 thoughts on “Moneta di scambio in forse

  1. Cara Loretta, commento il tuo bel post utilizzando parte della tua ultima frase: “il nostro futuro è senza speranza”. E voglio essere molto ottimista.
    Un abbraccio
    Raf

  2. Alla faccia dell’ottimismo! Non siamo messi bene e la sfiducia nelle soluzioni a breve termine sono sicuramente al ribasso ma, dobbiamo andare avanti e dunque sperare che il buon senso vinca sugli interessi, credo sia l’unico appiglio – ciao e grazie

  3. Hai scritto:”Hanno applicato politiche di austerità anziché espansive.”
    E se ne sono accorti adesso o non se ne sono ancora accorti?
    Purtroppo non sono niente ma è da quel dì che dico che se non si fanno funzionare i servizi sarà sempre peggio.
    Il personale che dovrebbe far funzionare i servizi c’è; perché non farlo lavorare nel modo giusto?

  4. hai scoperto l’acqua calda…buon senso, logica e semplicità pare non vadano in armonia con potere, politica e strategia – ciao

  5. OOHH nnoooo, non volevo offenderti, dicevo solo che hai suggerito qualcosa di semplice e risolutivo ma che cozza contro la mentalità politica che fino ad ora ha prodotto solo interesse di casta – tutto qui! ciao

  6. tanto non ci sei riuscito, ho il ventilatore! tié

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...