www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

E dopo Caronte arriva Minosse

4 commenti


Estate afosa, non si attenua l’ondata di caldo che opprime l’Italia, nei prossimi giorni, il picco, con l’arrivo di Minosse, che darà il meglio di sè.  Attese temperature oltre i 40° specie nel sud  e sui 35° nel resto delal penisola. Minosse dopo Caronte e dopo Scipione l’Italia almeno, riscopre storia e mitologia per sottolineare il caldo infuocato che viene dal Sahara e non semplifica la vita a turisti e cittadini.

Un’estate da record, la più calda degli ultimi 50anni, che procura danni all’agricoltura e agli allevamenti, che potrebbero perdere ulteriori percentuali di  produzione. Una situazione che si fa sempre più critica  per molte colture di pregio del paese, le campagne sono le prime ad essere  colpite dagli effetti disastrosi di questo caldo torrido dove a subire le conseguenze peggiori sono soprattutto il mais, le coltivazioni estensive come soia, girasole e, anche se in misura  minore l’ortofrutta.

Il tempo bello e soleggiato non accenna a freschi mutamenti e allora come fronteggiare  caldo e insonnia?

Il lino e il cotone sono i tessuti privilegiati così come i colori chiari. Le scarpe devono avere una buona traspirazione. Di notte è consigliabile dormire nudi perchè aiuta a disperdere calore. Dieta leggera, frutta e verdure, formaggi freschi, tanta acqua e crisi permettendo, anche un tuffo nelle chiare e fresche acque delle località marine, anche se, il mito della casa al mare tramonta. Colpa dell’Imu?

E se, non tutte le crisi vengono per nuocere: affitti al mare nostrum,  giù del 30%, anche se, l’Italia resta poco competitiva rispetto a Grecia o Croazia che applicano affitti decisamente più bassi.  Se molti italiani pensavano di restare a casa durante l’estate, forse potrebbero cambiare idea visti i ribassi dei prezzi che stanno interessando gli affitti nelle località di mare, si tratta di una conseguenza dell’introduzione dell’imu. Molti proprietari avrebbero infatti messo a reddito la seconda abitazione per rientrare dal salasso della nuova imposta. La tendenza potrebbe anticipare una più generale situazione nel mercato degli affitti. Se in molti ritenevano che l’Imu avrebbe aumentato i canoni, non ci si era soffermati sull’aumento dell’offerta determinata dalle nuove esigenze di chi non riesce a vendere o non vuole più tenere un’abitazione vuota.  Chi possiede una casa al mare, in montagna, in un paesino o in città, e spesso resta vuota, può ottenere un guadagno extra affittandola durante l’estate o in qualsiasi momento dell’anno in cui non la usa.  Deve solo mettere un annuncio su internet e il gioco è fatto o almeno, il danno è diminuito.

E una volta in spiaggia, qual’è il trend? Modamare: è ancora  bikini.  Già da un paio di stagione imperversa sulle spiagge il due pezzi, vero must, allegri e spiritosi, con stampe floreali, perline e colori. Ha poco più di cinquant’anni (è stato lanciato per la prima volta in Francia nel 1946), ma non è mai stato così attuale come ora. Da quelli in spugna a quelli con lustrini, a quelli persino in pelle di daino e cotone a uncinetto. Il bikini, il costume-mare più di tendenza, quello che ogni stilista che si rispetti non può non mettere nelle proprie collezioni, ha rilanciato la sua carica di seduzione.

Per sconfiggere Minosse, tutti in vacanza al  mare con  bikini e infradito per essere seducenti e dimenticare caldo e crisi.

Annunci

4 thoughts on “E dopo Caronte arriva Minosse

  1. “Un’estate da record, la più calda degli ultimi 50anni”. Mi sa che un giornalista (?) ha cominciato a dire questo, la più calda degli ultimi cinquant’anni, e tutti a ruota senza un minimo controllare. Sono sicuro, e senza andare tanto indietro, che ci sono state estati più calda di questa. Quando a Milano non si riusciva a dormire dal caldo mentre adesso di notte si respira.

  2. tutto è relativo – certo che a memoria non ricordo un caldo così afoso e prolungato, ma, faccio poco testo, anziana, sono! Solo i primi anni che abitavo in romagna, restavamo in ammollo nel mare dal pomeriggio, fino a tarda sera a causa del benesssere che l’acqua concede e dalle temperature che lo permettevano, nel tempo, poi questo “lussoestivo”, si è ridotto. In questi giorni, tutto si ripete e si chiacchiera volentieri tra amiche, immerse, nell’acqua fino all’ora di cena, quando il sole tramontato, regala splendidi colori e atmosfere – ciao ciao

  3. Mi piace la battuta di Margherita Hack, “Chiamatelo pure Caronte, chiamatelo pure Minosse, ma io lo chiamo caldo boia”.
    Ciao Loretta, un abbraccio

  4. bella la frase, simpatico il tuo intervento! grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...