www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Il duello dello spread

2 commenti


La crisi spagnola è molto profonda, ma deve farcela, la Bce deve stampare moneta, i governi devono mettersi d’accordo e l’Europa deve smettere di sprecare tempo, questi in sintesi gli argomenti trattati dai telegiornali serali che mettendo il dito nella piaga informano i cittadini dell’attuale situazione,  presentando  le “ricette” di cui hanno bisogno i paesi europei per tornare a guardare al futuro e dimenticare lo spread alle stelle e la disperazione che si respira ogni giorno.

Dopo il recente venerdì nero, sapevamo già che avremmo iniziato con un lunedì da rialzo, e infatti, la settimana in Borsa è iniziata proprio come era terminata quella precedente: con crolli da allarme rosso. Il tutto mentre sono nuovamente lievitate le tensioni sui titoli di Stato dei paesi ritenuti più a rischio nell’area euro. Il rendimento dei titoli italiani  è schizzato alle stelle. La Spagna vacilla attirando su di sè il faro degli operatori, mentre si porta dietro l’Italia e la parte sud dell’Europa.  Tutti sott’acqua. Perfino la solida  Germania non è immune dalla paura legata all’euro.

Nuovi elementi di incertezza per i mercati che in questa fase sono a caccia di stabilità. Se questa situazione permane ci si chiede come si farà a raffreddare i numeri? Del braccio di ferro con la Merkel che aveva portato allo scudo, non c’è più traccia mentre procede spedito  il trend negativo con gli spread che continuano a crescere in modo preoccupante. Eppure l’Italia ha varato in pochi mesi riforme pesanti fra le quali anche un nuovo taglio alla spesa pubblica. Iniziative forti che dovrebbero avere effetti positivi sullo spread.

Il contagio che proviene dalla Spagna non fa distinzioni sottili sull’entità dei compiti a casa svolti dal governo italiano e l’intera valutazione del valore effettivo dei nostri titoli è ampiamente arbitraria. Il principale fattore che alimenta lo scetticismo dei mercati è schiettamente politico: ovvero l’incertezza sul dopo-Monti dalla primavera 2013. Per chiunque voglia speculare sul futuro italiano la scena che i partiti e il parlamento producono quasi ogni giorno non è delle migliori. L’impressione è che troppa parte della classe dirigente italiana non abbia capito l’urgenza e la serietà dei fattori in gioco.

In  effetti in questo clima tensivo i partiti nostrani propongono elezioni anticipate. Lo spread sopra i 500 e le borse in picchiata spingono i partiti a riaprire un confronto sulla legge elettorale. Ci sarebbe bisogno di un governo politico che collabora con il lavoro “sporco” del governo tecnico, dicono, in realtà il timore che le manovre “lacrime e sangue” facciano perdere voti, li induce a mordere il freno. La gente comune è preoccupata dei problemi da affrontare nel quotidiano e teme per i propri risparmi. Piazza Affari fa battere il cuore agli exrisparmiatori. La Spagna  e lo spread sono la nostra dannazione, siamo ritornati da dove eravamo partiti, dopo Berlusconi. I partiti sono sempre più irrequieti. La crisi ampia e profonda alimenta la volontà politica di riprendere le redini del Paese per ripristinare un governo politico. La drammatica crisi fa capire che il tempo per Monti è scaduto. I partiti guardano alla situazione e accelerano i tempi per le elezioni. L’allarme spread, la pesante recessione in cui ci troviamo e le ricadute sociali mettono la frenesia per sbararre la strada all’avversario. L’Italia paga in parte le conseguenze di una crisi complessiva dell’unione monetaria europea, dovuta alla mancanza di un meccanismo istituzionale in grado di assorbire le crisi di liquidità degli Stati. Ma noi stessi abbiamo contribuito a questa crisi per la perdita di competitività, la mancata crescita della produttività ed un debito pubblico eccessivo.

E se tutto precipita, lo sbriciolamento del Paese a colpi di sperad è assicurato. L’unica certezza per noi italiani è che si andrebbe a votare con il “Porcellum” perché non si farebbe in tempo a fare alcun’altra riforma. Sinceramente non so quale dei due mali è peggiore.

Annunci

2 thoughts on “Il duello dello spread

  1. Bentornata alla base, sul contenuto del post invece ho forti dubbi e riserve. Personalmente credo che la verita sulla crisi non sia come viene descritta in televisione. Quella è, secondo me, una versione edulcorata ad uso e consumo di chi governa e dei partiti.
    Un abbraccio, ciao

  2. Grazie, la felicità ha sempre durata breve –
    Sulla situazione attuale, le opinioni sono tante, come le difficoltà che si devono affrontare, ora, il pericolo imminente è legato alla politica che, come sempre, approfitta per marciare e tirare l’acqua al proprio mulino a scapito dei cittadini – ho paura che accelerando i tempi si rivoterà con l’attuale legge, che non è proprio “cosa buona e giusta” – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...