www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Genova 2001

8 commenti


Film cronaca condotto da Mentana si  occupa di una pagina aperta della storia italiana, un tema caldo che entra nella carne delle istituzioni: il G8 di Genova e le sue conseguenze. Era il primo G8 dove i capi di stato Berlusconi e Bush si incontravano, un’avvenimento da vetrina ma, che diventò l’occasione per gruppi antagonisti di combattere contro la globalizzazione. Poi, la città sconvolta dalla guerriglia urbana, il sangue della morte del giovane Carlo Giuliani e la scuola Diaz.

E oggi un confronto in studio tra Vincenzo Canterini, allora comandante del Reparto mobile di Roma e Vittorio Agnoletto, l’allora portavoce del “Genoa social forum”.

Cosa successe e cosa ha stabilito la giustizia?  Mentana vuole con gli ospiti raccontare e descrivere quello che è accaduto nelle giornate di Genova, e cercare  di individuare le responsabilità e i responsabili, con nomi e cognomi. Dopo 11 anni dai tragici fatti del G8 di Genova del 2001  si continua a portare alla luce una delle pagine più vergognose e controverse della storia italiana, mettendo in evidenza gli innumerevoli tentativi di bloccare le inchieste, condizionare i testimoni, screditare gli inquirenti e indirizzare i processi.

Quel giorno la polizia compì atti di violenza inaudita “una macelleria messicana”, sono le parole che fissano quella scena, dette da Michelangelo Fournier, all’epoca vice dirigente. Un casino infernale. Una violenza sistematica. Uno scannatoio. Giorni che hanno sconvolto la vita dei protagonisti. Tanti film, tante parole sono state dette o scritte su quello che rimane una sconfitta per tutti. Perché ci fu quell’azione finale?

Canterini: ” Ero il comandante del reparto di Roma e mi era stato affidato l’addestramento dei reparti italiani… ho tentato inutilmente di fermare quella violenza”… – Agnoletto:” Ero il rappresenattnte di 1600 organizzazioni…Fui colto totalmente di sorpresa, mai ci saremmo aspettati un assalto contro persone che stavano dormendo, con una violenza senza precedenti. – Canterini: ” dopo due giorni di digiuno di cibo e sonno, mi venne ordinato di intervenire su un obiettivo con presenza di terroristi, in  questura era stato deciso tutto, dovevamo entrare in questa Diaz ai sensi del 41bis che prevede che la polizia possa inetrvenire d’iniziativa in presenza di armi. Trovai i miei e una macedonia di persone, 400 persone, non si capiva niente, mi ordinarono di entrare, siamo entrati tutti, tutti 400. Io stavo fuori con il comando del reparto, entrai dopo e in effetti, segni evidenti di violenza, una povera raggazza ferita, ho fatto uscire i miei e ho cominciato a coordinare i soccorsi”.

Che senso aveva quell’azione?  Agnoletto: ” Devo dire che non ci sono due verità, i fatti sono stati verificati, le sentenze hanno smentito Canterini punto per punto, ci sono filmati, testimonianze. Nessuno può smentire quello che noi raccontiamo perché corrisponde alla verità, è tutto assolutamente documentato. Non potendolo smentire, hanno agito in un altro modo, praticando un’assoluta e totale omertà. Non c’è stata nessuna reazione da parte dei no-global,  l’irruzione della polizia avvenne in piena notte, mentre diversi ospiti dormivano. Canterini può continuare a raccontare i fatti che non corrispondono al vero”.

Allora c’è qualcuno che ha barato, e qualcuno che si è trovato in mezzo e allora ritorna la domanda perché sono intervenute le forze speciali senza la presenza di terroristi e chi ha voluto il pestaggio finale?

Evidentemente ci voleva un atto che servisse alla riabilitazione della polizia.

Canterini: ” C’è qualcuno che si è comportato nè moralmente nè professionalmente come un poliziotto. La Diaz fu una rappresaglia scientifica alla figuraccia mondiale per le prese in giro dei black bloc. Un tentativo, maldestro, di rifarsi un’immagine e una verginità giocando sporco, picchiando a freddo, sbattendo a Bolzaneto ospiti indesiderati assolutamente innocenti”. Agnoletto: ” Queste versioni sono state portate avanti per anni, l’omertà è stata incredibile, non si è ancora riusciti ad avere i nomi di chi partecipò, di chi è entrato, la reponsabilità della polizia è enorme, non è possibile che Caterini non sappia, giochiamo a nascondino, non si può dire che non si sa chi ha compiuto le azioni e da chi sono state ordinate e il “non siamo stati noi” non è sufficiente e dopo tutto questo tempo non regge”.

Resta in sospeso il perché si sia voluto dare una lezione così dura ai ragazzi. Pestaggi indiscriminati contro manifestanti pacifici e inermi e nessun vero black block che sia mai stato arrestato. La violenza dei semplici agenti di polizia non può essere nata così dal nulla, alimentata dal mero odio personale nei confronti di chi ha manifestato in quei giorni. I poliziotti che hanno tentato coraggiosamente di dire la verità hanno pagato duramente le conseguenze,  considerati traditori.

La paura dentro la polizia non consente ancora oggi di trovare la verità. La polizia continua a mettere “la polvere sotto il tappeto” e lasciare scorrere le cose come se nulla fosse.

Se la Cassazione ha messo  la parola fine (almeno dal punto di vista giudiziario) a una vicenda durata oltre 11 anni rimane  continuamente segnata da grandi polemiche, da recriminazioni, da falsità.

Auguriamoci che un giorno si possa fare luce in questa costante ombra bagnata di sangue e ingiustizia.

Annunci

8 thoughts on “Genova 2001

  1. L’ho visto e sono rimasta impressionta. Ma come ha potuto succedere! 400 poliziotti contro pochi ragazzi che stavano dormendo. Bugie e bugie per coprire un massacro. Ma una domanda mi frulla da sempre in testa. Che cosa ci faceva Fini a Genova, nella caserma dove si dirigevano le azioni della polizia?
    Ciao Loretta, un abbraccio

  2. eeehhh e sulla responsabilità politica nessuno ha ancora puntato il dito, la polizia, la polizia, ma che guida i poliziotti? Il nome di Fini è trapelato ieri sera, ma, subito scivolato via…e questo la dice lunga sull’omertà! ciao e grazie

  3. Dopo 11 anni qualcuno ha pagato con il carcere o con l’emarginasione sociale per il massacro alla Diaz? Allora vuol dire che quelle cose in Italia si possono fare. Un avvertimento di quello che accadrà nei prossimi mesi quando le proteste sociali x i licenzianti e per il default scoppieranno nelle piazze. Ciao

  4. Siamo sempre in clima ottimista, vero? – la mattanza della democrazia è da tempo che si attua, forse con toni meno eclatanti ma lenta e inesorabile – staremo a vedere, alternative ne vedo poche, o si fugge o ci si spara o si spera!

  5. Cara Loretta, se aggiungo che ai condannati per i fatti della Diaz hanno persino assegnato una scorta con tre auto blindate e 6 agenti che mi dici? Che sono un pessimista o uno che cerca di vedere lontano, cioè di che morte morirà questo Paese?
    Ciao

  6. mmmmhhh mi hai tappato la bocca, anzi il dito…

  7. …non ho parole…ma possibile che tra tutte quelle teste di c..zzo non ci stava uno normale?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...