www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

La super rissa

4 commenti


Tg la 7, In Onda e Bersaglio mobile si sono concentrate sulla rissa politico-verbale che ha accompagnato le ultime afose giornate di agosto. E’ in atto uno scontro durissimo, sono volate parole grossissime: “morti viventi, fascisti del web, collusi, milionario in pantofole…”un clima verbale violento che denota un’imbarbarimento della politica che ci sta facendo vedere di tutto. Mentre gli elettori attendono di sapere chi governerà il paese in una fase storica così difficile. Chi darà le risposte costruttive e chi risolverà le grandi sfide europee.

Che cosa sta succendendo con la rissa di sinistra? Una guerra tra Bersani e Grillo a suon di scambi verbali durissimi. Uno scontro a distanza diretto al cuore della politica che sappiamo benissimo ha un altro bersaglio: i voti, che consentono di restare al potere. E’ questo il clima preelettorale, mentre la questione lavoro sta per esplodere in un’Italia stretta tra continui aumenti di tasse che devono curare i mali del paese.

Un conflitto forte che vede divisa l’attuale sinistra. “Fascisti del web”: con questa espressione Pierluigi Bersani ha aperto la festa democratica. Un attacco diretto a Beppe Grillo – pur mai citato – e a quegli estremisti della rete che dileggiano senza pietà il mondo della politica. L’accusa investe anche Antonio Di Pietro, (ospite a Bersaglio mobile) che aveva messo online un video nel quale Bersani, insieme a Monti e Alfano, appariva come uno zombie assetato di sangue e che ben definisce la profondità della rottura in atto tra il Pd e l’Italia dei Valori. Ma è la parola “fascista” che segna il salto di qualità delle accuse, il termometro che indica come per il gruppo dirigente del Pd la misura sia colma ed è tempo di reagire al vento dell’antipolitica. Le elezioni si avvicinano e la paura aumenta come i fuochi tra Bersani e Grillo che ha suon di “fascita” e “colluso” alzano la tensione. Divertito  Osvaldo Napoli, Pdl, ospite di In Onda, che si augura che ora Bersani non riscopra anche il termine “socialfascismo” per definire tutti quelli che non sono comunisti. Bersani vuole dare un segnale all’interno del partito. Che c’è da stupirsi si è aperta la caccia all’ultimo voto e i contendenti combattono senza esclusione di colpi.

Momento cruciale preelettorale che vede intrufolarsi tra i due litiganti la figura di Renzi che lancia la sfida contro Bersani. In campo anche “il rottamatore” anche se sulla carta l’impresa sembra ardua, resta comunque un trampolino di lancio per Palazzo Chigi.  Vendola dalla battigia attende di vedere chi vincerà….

E al voto si va per vincere, qui la legge del “basta partecipare” non conta. In un’ Italia soffocata dai debiti e da una politica che non presenta soluzioni, idee o progetti, si attende che l’onda lunga della crisi passi. Appena s’intuisce che forse ci sarebbe la possibilità remota di una vittoria, tutti si scagliano contro tutti perché ognuno vuol raccogliere lo scettro, intende accaparrarsi la fetta più grande. Con una sinistra così non si potrà andare molto lontano. Del resto con una classe politica che di lusso e sprechi ha fatto sfoggio per anni, non c’è nulla che stupisce.

E’ un copione che si ripete, in fondo non  c’è proprio nulla di nuovo nel nostro futuro.

Annunci

4 thoughts on “La super rissa

  1. Cara Loretta, bentornata sul blog.
    Sul tema del tuo post hfa esso qualcosa anche io sul Blog. Ma secondo me il tema del dibattere è: Grillo dice di Bersani e del PD delle falsità oppure delle brutte o scomode verità ? Nel primo caso Bersani ha tutti gli strumenti legali per tutelarsi. Perchè invece se ne è uscito con quella parola fascista del web? Allora secondo il suo pensiero anche io lo sarei e con me, Grillo e tanti Blogger che osano criticare il PD, anche alcuni milioni di italiani che attualmente voterebbero il M5S. Personalmente poi ti dico che ogni qualvolta sento parlare Bersani, mi sento preso in giro, preso in giro nella mia intelligenza, perchè lui, politico come tutti gli altri, offendono da anni l’intelligenza degli italiani. Hanno sempre le ricette per tutti i mali, ma poi fanno sempre altro. Inveiscono contro gli pseudo avversari politici, ma poi dietro le quinte fanno accordi e difendono insieme i loro privilegi. Gli italiani chiedono di abolire il finanziamento ai partiti e loro li quadruplicano, gli italiani non arrivano a fine mese e loro aggiungono nuove tasse. E quando proprio non possono far finta di non far nulla, cambiano qualcosina affinche nulla cambi. Dicono cose e poi fanno sempre il contrario. Io auspico e desidero solo vederli spazzati via dalla politica italiana. Se per farlo serve votare Grillo lo farò ma non saremo in pochi, anche se da mesi loro stanno studiando una legge elettorale per mettersi al riparo da sorprese. Dirò di più, se M5S dovesse prendere il 40% dei voti, Bersani sarebbe capace di fare un governo con Berlusconi, continuando l’ottima collaborazione di questi ultimi 10 mesi. Tanto gli italiani sono stupidi e basta raccontar loro qualsiasi cazzata.
    Ciao, un abbraccio

    • Credo che la gente che ha creduto o sperato nella comprensione della sinistra storicamente più vicina alla necessità della classe operaia, oggi, si senta non solo incompresa ma, anche tradita negli ideali che sono costati fatica e morte – il calderone politico non ha più differenziazione e se ultimamente ero confusa, in questo momento anch’io voterei M5S, per protesta, per rabbia, per provocazione verso una classe politica che di politico ha solo i propri palesi interessi – ciao e grazie

  2. Caro Raffaele e cara Loretta,
    Gli italiani sono contenti se gli fai vedere 22 calciatori e un pallone in movimento. Quando andranno a votare, se ci andranno, voteranno sempre gli stessi.
    Bersani?… l’ho definito: “Il Patetico”.
    Ciao Loretta.

  3. caro Quarche – la rassegnazione italica è ben nota, brontoliamo ma, poco facciamo e sopratutto non riusciamo a organizzarci e sentirci un popolo e fintantoché la coscienza collettiva e il bene comune non saranno ben identificati saremo nelle mani di chi ci divide ed impera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...