www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

L’arte a Diario Le Storie italiane

4 commenti


La nuova stagione de Diario le Storie italiane condotto da Corrado Augias su Rai3 ha ripreso il suo spazio divulgativo dopo la pausa estiva e in questa puntata l’argomento trattato riguarda una delle meraviglie del mondo che si trova proprio nella nostra penisola. Un capolavoro artistico, unico, inquadrato nell’annosa questione dello sterminato patrimonio culturale italiano, dimenticato , sottovalutato o addirittura non catalogato. Non esiste oggi, una catalogazione definitiva, specie per i reperti archeologici. Inoltre per i grandi musei statali non esiste una stima del valore delle opere possedute dal nostro paese, solo una parte è esposta, tutto il resto giace nei magazzini. Un’abbondanza che sembra quasi eccessiva. Come se fossero davvero troppi i nostri Beni architettonici, troppi i siti archeologici, troppe le opere d’arte da tutelare.

La meraviglia , protagonista della puntata è il pavimento del Duomo di Siena, uno dei massimi capolavori del gotico italiano. Solitamente coperto con lastre di faesite per ragioni di conservazione che prevedono innanzitutto di preservare il pavimento dal caplestio di migliaia di turisti e fedeli che visitano la Cattedrale ogni anno, viene “svelato” in questo periodo dell’anno offrendo l’occasione straordinaria per una visita. “Il pavimento è un’attrazione incredibile – afferma Pierluigi Sacco, professore Ordinario di Economia della Cultura,- per continuare a poter usufruire di questo bene è necessaria un’operazione di marketing culturale. Abbiamo una visione limitata del patrimonio che può strasformarsi i una straordinaria fonte di creazione di opportunità e non solo turistica, ma anche culturale e di ricerca, abbiamo uno straordinario patrimonio di storia che può diventare nuova cultura”.

Un patrimonio immenso, per certi versi sterminato. Da tutelare e valorizzare per noi, ma anche per il mondo. Un circolo vizioso che apre sempre le stesse questioni, siamo famosi in tutto il mondo per l’enorme quantità di beni culturali. Però, nel resto d’Europa, dove in comparazione i siti di potenziale interesse sono assai meno, si riesce a dar lavoro a molti. In Italia, non riusciamo a guardare alla cultura come a una forma di investimento che potenzierebbe le risorse italiane. Non sappiamo ancora cosa fare, se vendere tutto, oppure conservare tutto; se questo patrimonio possa servire per il turismo, o per l’identità culturale o semplicemente per arrivare “ad altro”. Ben venga allora la sensibilità dei privati che finanziano interventi.  Allontaniamoci dallo stereotipo del mecenatismo, oggi, i privati, possono rivelarsi validi collaboratori che offrono intelligenza e risorse professionali. Lo sponsor vuole un pò di visibilità ma, in cambio diventa uno strumento per sopperire  a una cultura dimenticata.  I beni culturali possono essere  usati come motore di attrazione e  diventare il veicolo di un’attività capace di espandersi.

” Il sistema della cultura è vivente e se non riusciamo a proteggere il nostro patrimonio – continua il prof. Sacco – non produciamo, dobbiamo utilizzare tutte le tecnologie per attivare i giovani, non dobbiamo limitarci pietisticamente a mantenerlo”. Il nostro profitto in Pil potrebbe essere raddoppiato e potenziato, ma, abbiamo una logica avulsa, servirebbe una nuova visione, lungimirante che porterebbe a creare nuovi posti di lavoro e anche a dare ossigeno a tanti luoghi d’arte in crisi. Un’industria che porterebbe ricchezza e cultura. Un’avventura in questo mare di insensibilità italiana. Una sfida importante. Bisogna cominciare a crederci. Altro che con la cultura non si mangia!

Annunci

4 thoughts on “L’arte a Diario Le Storie italiane

  1. Si vede che guardo poco la TV, programmi decenti compresi! Ogni volta che leggo una tua recensione…. casco dalle nuvole! In verità, guardo poco la rai.

    Ciao Loretta e buona serata. Che dici? Se investiamo nella cultura, forse potremmo fregarcene dei vari ricatti alla marchionne? Io credo di si! Purtroppo, invece, noi abbiamo dei degnissimi rappresentanti del degnissimo popolo italico che sono riusciti ad affermare che “la cultura non si mangia”!! Quindi, preferiamo competere con chi costruisce strade, macchine, bombe… invece, di sfruttare l’unico bene che nessuno può permettersi di produrre e vendere: l’arte e la cultura di cui è piena ogni città d’Italia. Che, poi, se fossimo così “furbi” da saperla sfruttare insieme all’altro nostro potenziale che è la natura e le sue bellezze nonché il clima, tra i migliori d’Europa, avremmo fatto il business!!! Invece, pure qua, stiamo inquinando, distruggendo, stravolgendo. Che Paese di minchioni!!

    • come contraddirti? Ritengo validissime le tue opinioni, abbiamo un patrimonio unico al mondo e non solo non lo sfruttiamo ma lo abbandoniamo all’incuria del tempo e della negligenza – l’arte italiana dovrebbe essere succhiata insime al latte materno, invece abbiamo una politica che i tagli più evidenti li fa prorpio nel campo culturale – si vede che siamo masochisti e ci piace piangerci addosso senza concludere soluzioni – peccato – ciao e grazie ( Augias è un cavallo vincente per la mente)

  2. perfettamente d’accordo se sapessimo gestire bene il nostro patrimonio artistico e paesaggistico potremmo uscire dalla crisi senza bisogno di inutili macellerie sociali

  3. anche qui non oso contraddire un pensiero che mi vede in sintonia totale – grazie e ciao ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...