www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Promossi o bocciati?

Lascia un commento


coffee breakPartendo dal voto delle amministrative, promossi i politici e il governo Letta, si o no?

Coffee break, il programma del mattino dedicato all’informazione condotto da Tiziana Panella e Enrico Vaime su La7 alla luce dell’astensionismo del 37.62% rilevato alle elezioni amministrative dei giorni scorsi, si interroga insieme agli ospiti in studio se l’Italia che è stata promossa dall’Europa sulla procedura d’inflazione ha attualmente un governo che funziona.

Enrico Vaime esprime  la sua opinione: “Di fronte alle competizioni, di solito, ci si chiede chi ha vinto, invece in questo caso, ci chiediamo chi ha perso di più, perché e quanto perderà ancora. Una forma di sadismo da parte di tutti. L’avventura elettorale non è finita, c’è ancora il ballottaggio e fino ad allora si parlerà delle stesse cose”.

Dopo l’orgia dei numeri piovuti da tutte le trasmissioni attendiamo il gran finale perché l’argomento è ghiotto. “La disaffezione non è nei confronti della politica, prosegue Vaime, la gente non partecipa più come una volta, perché si è disaffezionata ai politici. È una categoria che ha perso ogni appeal e ogni credibilità e verso la quale la gente coltiva del rancore. La non partecipazione intesa  come fenemeno storico non esiste, è un atteggiamento momentaneo e facilmente analizzabile, sono i politici che sono caduti in disgrazia”.

Le elezioni amministrative  contengono un messaggio implicito di chi ha votato, sul quale è opportuno riflettere: la  sconfitta di portata clamoro00-400x284 (1)sa per tutte le forze politiche, considerando che ha votato solo il 62,38% degli aventi diritto. L’aumento dell’astensionismo è un dato eclatante: indica la delusione di molti elettori. Le elezioni amministrative non riflettono strettamente le politiche e non ne seguono le logiche, ma evidentemente le vicende politiche dei mesi scorsi devono aver deluso molti. Guardando i voti espressi, contrariamente alle previsioni che davano per spacciato il PD diciamo che invece è andato in controtendenza , con tutte le liste collegate: il minimo che si possa dire è che il PD ha deluso i suoi elettori meno degli altri partiti. Altro dato certo, in questa realtà molto complessa, è la quasi scomparsa di Grillo.

Nella sostanza è successo esattamente il contrario di quanto ci si aspettava:  il M5S che ha preso una bella batosta e il PD è stato premiato.

La gente è sfiduciata ma non è distratta.

Forse la gente ha apprezzato lo sforzo di Bersani di costruire un governo senza Berlusconi, coinvolgendo M5S; forse anche Letta è piaciuto perché alla fine ha fatto quel governo di cui il paese aveva disperatamente bisogno, seppure a costo di una alleanza che agli elettori del Pd è certamente indigesta.  On. Alessandra Moretti del PD: ” Ad essere premiata è stata la buona politica, i cittadini alle amministrative guardano alla persona a colui che da risposte alla città, il Pd per esempio nelle amministrazioni locali ha mostrato la volontà di cambiamento, ha voluto essere vicino ai propri cittadini con un contatto diretto  e in questo caso sono stati premiati quei candidati che hanno rimesso al centro il cittadino. Se in politica tutto cambia velocemente, quello che non cambia è la credibilità, cioè se sei un politico credibile le persone ti votano”.

E’ andata piuttosto male al Pdl ed è andata malissimo al M5S, più o meno lo stesso è successo alla Lega.

La gente che non ha votato, ha espresso la propria intenzione e cioè di non voler  votare nessuno di questi partiti, possiamo girarci intorno ma, i cittadini hanno espresso un giudizio sui cinque anni di amministrazioni locali precedenti e sulla sottovalutazione dei problemi reali del paese.La-vittoria-del-partito-dell-astensione_h_partb  Per non parlare delll’inciucio pur di tentare di salvarsi le penne, cosa che ha schifato la stragrande maggioranza degli italiani. Emerge ancora una volta la voglia di cambiamento e la ricerca di un partito che abbia il coraggio di interpretare il sentimento della gente.

L’unica buona notizia è che l’Europa ha promosso l’Italia.

E nel momento che siamo usciti dalla black list dobbiamo politicamente giocare bene le nostre carte. Abbiamo riaquistato una forza politica maggiore rispetto ad altri paesi che stanno peggio.  Con tutti i limiti e le difficoltà Enrico Letta in Europa si sta muovendo con disinvoltura e autorevolezza (impensabili) il che non fa certamente rimpiangere Monti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...