www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Parco della musica – l’officina dell’arte

4 commenti


Sky-Arte-HD” È sempre stato così, i luoghi dove avviene l’arte devono essere accoglienti, sontuosi, belli, i posti dove avviene l’arte devono essere magnifici” Erri De Luca – scrittore.

“Queste sale, sono il sale della vita di Roma” –  Nicola Piovani – compositore.

Esistono luoghi che vanno al di là del tempo e dello spazio in cui sono stati costruiti. Luoghi dove avviene e si respira l’arte. Luoghi accesi dalla creatività umana.

L’avventura dell’Auditorium è una della cose più curiose, romane  e italiane.  Mussolini lo aveva promesso ma, non c’era ancora, e i romani si erano rassegnati a quella “cosa” necessaria, ma che non ci sarebbe mai stata. Poi a sorpresa, tre enormi “coccinelloni” progettati da Renzo Piano sono spuntati nei cieli romani. L’eleganza del legno, la semplicità e la funzionalità dei contenitori erano visibili, ora restava l’altra sfida. Organizzare in queste tre sale, sobriamente magnifiche, l’attività musicale ogni settimana, in una città come Roma. Una sfida oggetto di una vera e propria rivoluzione – locale, nazionale.

parco-musica-romaA dieci anni dalla sua inaugurazione Sky arte intraprende un viaggio alla scoperta dell’Auditorium Parco della musica.

Una scommessa vinta. In questo luogo si fa musica. Un luogo dove la gente può venire, senza sapere cosa si andrà a vedere ma, consapevole che qualcosa di interessante andrà in scena. Musica di ogni genere e artisti di ogni genere fanno respirare la musica agli spettatori. Un posto molto fertile per l’arte e il pubblico lo intuisce. L’eccezionale sforzo creativo e tecnico dal quale nasce un così unico, affascinante luogo urbano nella città è un nuovo esempio di intendere la produzione culturale, dove anche la qualità organizzativa si fonde in un unico sistema d’offerta, innovativo, moderno. Oltre ai giovani  anche i bambini trovano spazio espressivo in questo ambiente.

“Credo che in questo momento in Italia si stia iniziando, nuovamente a spingere e a credere nelle possibilità dell’arte e della musica”Danilo Rea – pianista.

imagesÈ un complesso multifunzionale di Roma, realizzato per ospitare eventi musicali e culturali di varie tipologie, una lotta di tutti i giorni ma una grande speranza per il futuro. “Non è un semplice Auditorium ma una vera città della musica”, parola di Renzo Piano.

Dieci anni di note e di cultura. Sembra incredibile ma lo specchio del glorioso passato dei nostri avi aleggia ancora nei cieli italiani e riaccende la fiamma della conoscenza. Dopo anni di disinteresse oggi, si torna a educare i giovani all’arte. È giusto e  sicuramente un segno.

Giovanni Allevi – compositore: “È una struttura modernissima ma al tempo stesso è un luogo di incontro di giovani, una fucina di creatività. Tutti i generi musicali si incontrano in questa struttura moderna”.

Variabili necessarie affinchè l’Auditorium – Parco della Musica divenga un nuovo punto di riferimento della cultura, a Roma. Tanti i ragazzi che ci lavorano, tanta la speranza chiaramente rinnovatrice che racconta  una realtà che si sta delineando e per una volta, riconosciamo di avere a che fare con un’eccellenza, non solo nell’architettura ma anche organizzativa.

2700 posti,  parcheggi, tre “casse armoniche”  immerse nel grande parco alberato, una resa acustica ottimale, che permettono la convivenza di spettacoli, concerti e eventi musicali, di prosa e balletto, offerti a un pubblico che non è solo d’élite. Un luogo dove la platea può ammirare il disegno architettonico, incontrarsi, assistere a degli spettacoli all’aperto, appropriarsi dello spazio.

Auditorium_Parco_della_Musica_cavea_RomeDieci anni di lavoro per un progetto che ha avuto successo.

Ora non resta che innovare continuamente il programma per gettare nuove basi  e rieducare le menti allo stupore e alla gioia dell’arte italiana, perchè l’arte, fa famoso e rende grande un paese, chechhè ne dica, qualche inqualificabile politico…

Annunci

4 thoughts on “Parco della musica – l’officina dell’arte

  1. fra le infinite cose che non sapevo c’era anche questa positiva notizia delle tre “coccinellone” che irradiano le magie dell’arte in una città già magica per la sua storia.
    Ciao, buon pomeriggio. robi

  2. Eri in buona compagnia – diciamo che la tv ci ha acculturati un tantino – ciao e grazie

  3. Una sfida notevole, in tutta sincerità non mi sembra possibile che attragga le folle, spero che questo sia il segno buono che stiamo re-imparando il senso del bello!

  4. Sul serio, un programma fitto, fitto di vari appuntamenti culturali – anch’io sono sorpresa che nn si sappia nulla – è collegato alla Fondazione Musica per Roma · Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dalle immagini è frequentatissimo – ciao e grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...