www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Bankester la nostra rovina

7 commenti


PaneQuotidianoA Pane quotidiano su Rai 3, si parla di banchieri gangster della finanza, con l’ospite Federico Rampini – giornalista – che ha scritto il libro “Banchieri” che parla di economia e delle  cure escogitate per contrastare la grande recessione che hanno provocato distorsioni e ingiustizie.

Questo sistema globale, che viene sintetizzato nella fusione linguistica bankester, è l’artefice  della nostra difficile situazione economica. “I banchieri sono i grandi banditi del nostro tempo. Nessun bandito della storia ha mai potuto sognarsi di infliggere tanti danni alla collettività quanti ne hanno fatti i banchieri” – dichiara Rampini.

Economia, una materia difficile da comprendere, anche perchè è chiara la scientifica volontà di tenere le persone distanti da questo mondo per non metterle nella condizione di comprendere cosa accade. “Se rinasco, in un’altra vita vorrei insegnare l’economia ai bambini – confessa l’autore – Perché crescano armati degli utensili giusti, perché nessuno li possa ingannare con il linguaggio dei tecnocrati. C’è una congiura ai nostri danni per rendere l’economia una sorta di religione esoterica per pochi iniziati, mentre dobbiamo riprendercela, perchè le nostre vite dipendono dall’economia. Dobbiamo rifarci dall’esser espropriati delle conoscenze elementari dei meccanismi economici, proprio quello che cerco di fare con questo libro”.

25_56_are_f1_1515_1_resize_526_394Dobbiamo smontare la macchina per scoprire la natura parassitaria delle banche. Rampini stesso si ritiene un esemplare del dannoso meccanismo economico. Vive in una famiglia, dove l’unico reddito sicuro è dato dalla pensione della madre, che vive in Belgio e che ha rischiato di perdere anche quella, in  una delle tante banche salvate dai governi europei con spese colossali. “Ci siamo dimenticati che il momento più cupo della crisi, l’austerity, è cominciato quando i bilanci pubblici sono stati sfasciati per salvare le banche”. E  stiamo parlando di un giornalista affermato che gode di una situazione finanziaria tranquilla mentre la maggior parte delle persone non hanno più un reddito fisso dovuto al lavoro.

Dunque chiunque appartenga alla nostra generazione, che ormai sfoggia qualche capello bianco, non può non esser preoccupata del futuro dei giovani. A quale lavoro e a  quale reddito potranno aspirare?

Il meccanismo di sviluppo attuale ha creato disuguaglianze intollerabili che sono la diretta conseguenza della finanziazzione, è dimostrato che un’economia con troppe finanze diventa un’economia che fabbrica disuguaglianze insopportabili che impoveriscono l’intero ceto medio”.

La grande illusione, del secolo appena trascorso, racchiusa nella nuova mecca finanziaria è fallita. Ci stiamo accorgendo che la sindrome del Too Big to Fail, “troppo grande per fallire” (o meglio: perché si possa lasciar fallire) è diventato la realtà finanziaria delle mega-banche salvate. “Questi banchieri, apparentemente non hanno commesso nulla di veramente illegale, perchè le leggi le scrivono loro. Anche Draghi prima di essere alla BCE ha lavorato alla  Goldman Sachs, la più potente banca d’affari americana. Questo sistema delle porte girevoli per cui una volta sono ministri del tesoro. Una volta banchieri centrali e una  volta nella finanza speculativa, crea dei mostruosi conflitti di interesse quasi incestuosi e poi fa si che le regole siano scritte a loro imamgine e somiglianza”.9788804633501

Tutto questo dà origine a quel sistema che si autotutela, si autoalimenta e si autoprotegge e così tutte le perdite dei banchieri vengono spalmate sui contribuenti.  Nonostante i governi e gli economisti si arrovellino sulle misure da adottare, le aziende chiudono, la disoccupazione aumenta, i consumi crollano. È nel sistema delle banche il nodo che affossa l’economia. È lo strapotere della finanza e il  peso schiacciante del debito pubblico che crea disuguaglianze intollerabili che non diventa solo un problema etico o politico, ma un problema di sopravvivenza dell’economia di mercato.

I banchieri di oggi, hanno adottato comportamenti  perversi, agendo  in modo talmente dissennato da provocare un’autentica Pearl Harbor economica, sprofondando l’Occidente nella più grave crisi degli ultimi settant’anni. E tutto questo, contando sempre sulla certezza dell’impunità. A pagare i loro errori sono infatti i cittadini dei paesi sulle due sponde dell’Atlantico, e il prezzo è altissimo: crescenti diseguaglianze, precarietà del presente, paura del futuro. Solo nei paesi dove l’eguaglianza è garantita l’economia è più forte. ” Si chiama “resilienza”, il termine che definisce i paesi che riescono a rimbalzare più rapidamente, paesi scandinavi, Svezia, Svizzera, che hanno disuguaglianze ridotte e ciò li rende più coesi. Una maggior solidarietà nel reagire e non parliamo di sistemi socialisti, c’è il capitalismo, ma la distanza tra manager e operaio è un terzo di quella tra Marchionne e il suo operaio. È una società più serena e quindi può reagire meglio alla crisi e si investe molto di più in istruzione, educazione, scienza e ricerca”.

Inutile dire, che l’Italia dovrebbe investire maggiormente nella cultura, perchè di fatto essa racchiude  tutti quei valori che ci rendono migliori, mentre la finanza ci impoverisce, anche economicamente. Le banche giocano sul rischio fallimento degli Stati, speculano in modo che la loro profezia avvenga, perchè è chiaro, che hanno l’interesse nei loro fallimenti per fare buoni profitti. È un sistema viziato che destabilizza l’economia. E la distinzione tra banchiere e usuraio è puramente nominale.

Tutt’ora una delle ragioni fondamentali per cui l’Italia non esce dala crisi è perchè le banche non fanno credito. “È crudele perchè nel frattempo continuano a ricevere aiuti dalla BCE che non restituiscono. I banchieri si sono incamerati gli aiuti di Draghi – accusa l’autore – ma non hanno restituito nulla al paese. Hanno negato agli imprenditori veri le risorse indispensabili per produrre, esportare, assumere”.

In conclusione con le gigantesche iniezioni di liquidità da parte dei governi nelle banche a rischio di tracollo – una restaurazione dello status quo senza precedenti, abbiamo permesso ai superbanchieri di non ridistribuire quelle ricchezze di origine pubblica, e farne invece la base per il proprio ulteriore arricchimento. Un accumulo cieco, indecente e irragionevole che per la ricchezza di pochi mette a repentaglio il dbanksters-previewiritto di tutti a condurre una vita dignitosa, ad avere un lavoro pagato il giusto, a poter garantire a sé e ai propri figli il diritto all’istruzione, alla sanità, a una pensione.

Il messaggio  è arrivato, forte e chiaro e il compito di interrompere questo meccanismo spetta alla politica che deve individure i bisogni veri, investire  in essi e creare lavoro che costruisca valori duraturi e perenni.

Semplice, o no?

7 thoughts on “Bankester la nostra rovina

  1. Credo, pur non avendo visto la trasmissione ma condividendone il contenuto che tu hai esposto, che sia semplice o, quanto meno, comprensibile. E’ di dominio pubblico, credo, sapere che milioni e milioni di euro sono stati versati dalla BCE anche alle nostre banche, per salvarle dalla bancarotta che ci sarebbe stata a seguito di speculazioni finanziarie dissennate e, molto spesso, criminali. Di quegli euro, neanche uno è stato destinato al credito delle imprese, grandi o piccole che siano. Che, infatti, continuano a morire. Spesso mi chiedo anche io, continuando questo stato di fatto, come faranno le generazioni future e con che coraggio, oggi, si mettono al mondo dei figli (convinto, purtroppo, che i loro genitori, come hanno già ampiamente dimostrato, non reagiranno a questo stato di cose)

    Reagire, peraltro, sarebbe semplice. Come individui, affrancarsi dalla pubblicità, condurre uno stile di vita meno “sprecone”, un occhio più attento al mondo che ci circonda, più solidarietà, meno “pippe mentali”. Inoltre, come società, basterebbe pretendere una politica seria e capace, controlli maggiori sulla finanza, regole che oggi non ci sono e, naturalmente, investire in cultura ed istruzione.

    Mi rendo conto…. fantapolitica!!!

    Ciao Loretta, buon pomeriggio.

    • Lavare e ripulire i danni, della ventennale egoistica visione politica, sarà un compito macchinoso, difficile e laborioso, di cui forse noi non vedremo i frutti – speriamo solo, che le colpe dei padri, non siano troppo pesanti da sopportare sulle spalle dei giovani prossimi cittadini, che al contrario dell’esempio subito, dovrebbero reagire e rivoluzionare tutto – noi bollati e ammaccati, non ci riusciremo – l’ultima nostra speranza è racchiusa nell’esser almeno testimoni del germe diverso che attende il futuro – ciao e grazie

  2. quindi la banca campa, la gente crepa…
    Buona serata Loretta. robi

  3. Come al solito, alla tua sintetica osservazione non è possibile replicare…ciao e grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...