www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Sanguinosa guerra civile a Kiev

2 commenti


tg_loghi-300x154Lo spirito animatore dei padri fondatori dell’Unione europea del “mai più guerre e cooporazione tra i popoli” sta bruciando negli incendi appiccati dalle bombe Molotov o  abbattuto dai colpi ad altezza d’uomo sparati dai reparti speciali insieme al  sogno europeo ucrarino.

Una situazione gravissima quella che ci arriva da Kiev, la capitale dell’Ucraina, che da giorni è a ferro e fuoco. E più si va avanti più le incomprensioni, il desiderio di vendetta e la rabbia renderanno impossibile tornare indietro.

A Kiev è il caos. È guerra civile con continui combattimenti di piazza e molti morti.143-inferno-a-kiev

Scontri devastanti in un contesto fuori controllo rispetto al quale, vane sono state per ora, le prese di posizione della Comunità internazionale o dell’Onu. In questa fase la parola alla diplomazia è difficile darla.

Polizia e manifestanti: bottiglie, sassi, Molotov, lacrimogeni. Granate assordanti, idranti, manganelli e armi. Non un pezzo di strada rimane intatto. Divelti i sanpietrini, accese le Molotov iniziano le vittime. E il centro di Kiev è tornato a trasformarsi in un campo di battaglia.

Il Municipio occupato da dicembre è preso d’assalto. Il Parlamento che dovrebbe, finalmente, discutere della riduzione dei poteri del Capo dello Stato, riforma voluta dall’opposizione, non mantiene la promessa e la riforma sparisce.  Dopo aver scatenato la protesta con la sua improvvisa rinuncia a firmare il trattato di associazione con l’Ue, Yanukovich, il presidente filo-russo, è stato il principale bersaglio dell’opposizione e il principale ostacolo allo sblocco della situazione. Così dopo un periodo di tesa calma, gli scontri sono riesplosi in questi giorni,  al termine di una grande manifestazione popolare.

38331-inferno-a-kievLa battaglia di Kiev è riiniziata e le intenzioni sono pessime. In piazza si consuma la lotta tra poliziotti e civili.

Da Mosca arriva una durissima condanna per chi non ha stroncato per tempo le proteste e per l’occidente che le ha supportate. Mentre esprimendo preoccupazione per la nuova grave escalation e per le vittime delle violenze l’Unione Europea, la Nato e gli Stati Uniti hanno lanciato un monito a Yanukovich, invitando le parti a riprendere la via del dialogo. Perfino la fredda Germania decide che forse è il caso di imporre sanzioni economiche a Kiev.

Un’Ucraina che sembra ormai ostaggio delle due Ucraine, quelle russofona e filo-russa e quella nazionalista e filo-europea. Ma la guerra civile che sta devastando Kiev mette in imbarazzo sia Bruxelles, che non può accogliere un Paese dove un governo viene abbattuto da una “rivoluzione” violenta ormai capeggiata da forze della destra radicale che non nascondono le loro simpatie filo-naziste ed antisemite, sia Mosca, che sa bene che alla fine di tutto questo ci sarebbe o la divisione dell’Ucraina o tempi molto duri per la comunità russa e russofona dell’est e del sud del Paese.

HLHUAHJC-kwv-U10202677172769ggH-568x320@LaStampa.itIncandescente lo scontro e le immagni non lo nascondono. Fiamme, fuoco e tensioni che non accenanno a diminuire, mentre l’unico traguardo raggiunto da entrambe le parti sono quei 26 morti. E nonostante la proclamazione per domani di una giornata di lutto nazionale in memoria delle vittime, il lancio di misure eccezionali “antiterrorismo” non fa presagire nulla di buono, e quel nefasto numero sarà destinato a salire.

2 thoughts on “Sanguinosa guerra civile a Kiev

  1. nella situazione c’è del marcio e non tarderà a venir fuori chi ci marcia, mentre le notizie scarseggiano o vengono filtrate.
    (sintesi personale di quanto ho letto oggi su vari post in cerca di verità)

    Oggi ho raccomandato al mio grande amico Morfeo di venirti a trovare prima della camomilla… Ciao Loretta, se vuoi anticipare il sonno ti consiglio il Festival. robi

  2. Ho sentito e letto parecchie notizie e la situazione appare decisamente complicata – lottano per la loro libertà e l’unica salvezza sarebbe quella di riuscire a diminuire fortemente i potere di Yanukovich, soprattutto quelli militari e della giustizia – ( far decidere al Parlamento formato da un 200 persone è sempre meglio di una sola) – ma la vedo dura – ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...