www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola


2 commenti

Italia infetta


Otto e mezzo, Lilli Gruber, La7, ospiti Ilaria d’Amico e Aldo Cazzullo. Una puntata all’insegna del gioco truccato,  un nuovo  scandalo  che colpisce il mondo del calcio. ” La cosa era abbastanza nota, c’è un sistema di corruzione a livello nazionale” afferma Ilaria D’Amico”. La bufera sulla serie A scatenata dall’operazione Calcio scommesse  che ha portato agli arresti diversi giocatori, per il momento non ha ancora il giudizio definitivo, in realtà difronte a tanti indagati, l’indignazione, la rabbia e la delusione di trovarsi difronte ad un sistema diffuso, è chiara.

Aldo Cazzullo: “Ti posso assicurare che il mondo dello sport è pieno di persone pulite, con uno spessore morale, non dobbiamo generalizzare, certo che una parte del mondo calcistico continua il malcostume”. La giornata più lunga per il calcio, sconvolto per la nuova ondata di indagini delle presunte combine tra giocatori per aggiustare le partite, per ora vede, soltanto la presunzione di reato ma, intanto le nubi sul calcio  restano nere e dense. Alla giustizia il compito di indagare per dissolvere quelle nubi o trasformarle in una tempesta che segnerebbe il mondo  del pallone in maniera clamorosa.

A noi,  resta lo spunto  della riflessione che l’alba del ventunesimo secolo, vede il nostro paese dentro alla  morsa della  crisi, ma con la possibilità di maneggiare un giro di scommesse che  hanno raccolto 120 miliardi, tutti esentasse. Il gioco è senza frontiere e la cultura dell’illegalità estesa. Succede in Parlamento, succede nello sport, succede un po’ qua e un po’ la, ma succede, continuamente. La cupidigia rende tutto corrotto e corruttibile. Siano la patria dell’economia sommersa e della criminalità organizzata e questo quadro  non fa del bene al prestigio e alla serietà del paese.

L’inchiesta sul calcio scommesse ha coinvolto tanti, in un  ennesimo scandalo che nuoce moltissimo allo sport, il problema è che anche la credibilità comincia ad essere seriamente a rischio. I tifosi come e cosa tiferanno? La bravura, la capacità tecnica, la fortuna, o la tecnologia che consente un business che inquina le gesta sportive sommergendole sotto la coltre del potere del vil denaro?

Un  mondo alla rovescia in mano alla disonestà e alla prepotenza. Un mondo alla rovescia dove si  trae profitto,  per ciò che ci fa male,  con poche regole morali che governano il pianeta, sommersi dai meccanismi della corruzione, del proibito, del vizioso, dell’illegale che sono ormai la normalità  Il calcio infetto, purtroppo,  è una vicenda che si inserisce in una cultura diffusa, che lascia il segno e che ci coinvolge tutti.


6 commenti

PRESENTAZIONE e/o ESORDIO in RETE


Salve a Tutti.

Vorrei condividere  un dialogo virtuale con l’obiettivo di  valutare se la televisione oggi che ha assunto un ruolo predominante nella vita di ciascuno, è percepita solo come mezzo privo di qualità, come si sente continuamente dire o se al contrario (come credo) sia un  strumento di informazione, intrattenimento e perchè no anche approfondimento tematico.

Sono altrettanto convinta che vi siano le potenzialità per difendersi dalla sua influenza se ritenuta negativa e che tutto dipenda dall’utilizzo personale che se ne fa del mezzo, dall’autonomia del singolo che guarda la Tv, dal suo background e dai suoi interessi.

Ho iniziato molto giovane a lavorare nelle televisioni, ho assistito e forse contribuito al suo evolversi, mi sono formata professionalmente ed ora  sono dispiaciuta e mi sento come un ingenuo “Don Chisciotte” contro i mulini a vento quando tento di difendere il linguaggio televisivo e la sua utilità.