www.ilsegnocheresta.it

by Loretta Dalola

Tradizionale o alternativa? Pareri a confronto

9 commenti


Argomento da derby, che divide e dura da anni. Medicina tradizionale o alternativa? Quanto sono efficaci le medicine alternative o meglio “complementari” come qualche medico della medicina tradizionale ama definirle? Come mai da anni la medicina ufficiale non ha mai preso in seria considerazione e approfondito la conoscenza di quest’ultime? È il tema trattato all’interno dell’approfondimento quotidiano del telegiornale della Rai, Costume e società. Una questione, certamente delicata, perché, chi si affida agli uni, è convinto che sia il meglio e chi si affida agli altri, lo è altrettanto. La partita che si interpone tra le due convinzioni è di quelle importanti: la salute.

La  medicina ufficiale è efficace, razionale e si affida alla scienza occidentale, l’altra, si affida a terapie alternative del corpo e della  mente, tenendo in considerazione anche l’aspetto psicologico, l’una prende in considerazione un  corpo ammalato da guarire, l’altra cerca di riequilibrare il contenitore esterno e l’animo  e in questo scontro la possibilità di accesso alle cure passa attraverso il diritto e il derby tra i farmaci non finisce mai. I tentativi di proposta di legge presentati in Parlamento sulle medicine non convenzionali (omeopatia, agopuntura, fitoterapia, chiropratica, ecc.), che prevede l’istituzione di cattedre universitarie, di corsi di formazione autorizzati dal Ministero della Sanità e di albi di esperti, hanno scatenato una bagarre. Il numero dei pazienti in Italia che si affidano a medicine non convenzionali è ormai imponente, è evidente che lo Stato non può rimanere inerte di fronte ad un fenomeno del genere che, tra l’altro, essendo prevalentemente privato, sfugge non solo a qualsivoglia controllo del Ministero della Sanità ma anche al fisco.

Innanzitutto bisogna scegliere dove curarsi e in particolare come curarsi. È diventato sempre più di moda dir male della medicina classica e un gran bene di quella “alternativa”,  nomi, se non altro, che  suonano più attraenti :  ayurveda, pranoterapia, agopuntura, yoga, omeopatia, reiki, erbe cinesi… studi specifici che tentano di far valere la medicina alternativa cercando di assegnarle un posto d’onore all’interno di quella tradizionale.

La differenza fondamentale tra la medicina tradizionale occidentale e quella definita “olistica” o naturale o alternativa sta nel fatto che nella prima la cura della malattia avviene prevalentemente attraverso l’uso dei farmaci e nella seconda si tenta di rimuovere le cause di ciascun disturbo passando da una profonda analisi del corpo e della psiche del paziente.
Benchè nessuno intenda negare l’enorme contributo della medicina moderna o il suo ruolo fondamentale nei casi di emergenza, si avverte sempre più l’esigenza di cercare vie alternative per comprendere le origini di un disturbo e le sue manifestazioni.
Lo scopo di una cura diventa, di conseguenza, non solo quello di eliminare i sintomi, ma anche di ripristinare un equilibrio psicofisico generale, indispensabile perchè il disturbo non si presenti. La medicina alternativa si propone in questo senso come la medicina preventiva per eccellenza.

Ciò che è sconosciuto alla maggior parte dei pazienti, tuttavia, è il fatto che i farmaci mascherano soltanto i sintomi della malattia, non risolvono nessun problema di salute, i pazienti spostano la responsabilità della loro salute alle medicine chiedendo una cura fuori da essi.  La gran parte delle malattie croniche è causata dalle scelte fatte dai pazienti stessi. Sono scelte di alimentarsi con determinati cibi, di fumare, di bere caffè, di prendere droghe o alcol, o di non fare esercizio fisico. E le malattie sono il risultato naturale della scelta di questi stili di vita.  Ad onor del vero, quasi tutti quelli che cercano di curarsi con le erbe, gli integratori alimentari e con altre soluzioni complementari o alternative guardano queste soluzioni dallo stesso punto di vista con cui guardano la medicina convenzionale, cioè richiedono una cura al sintomo. È giusto un altra sostanza chimica, anche se organica, ingerita per dissimulare i sintomi di un problema molto più profondo.

Entrambe desiderano aiutare i pazienti e per far questo bisogna educare i pazienti. Bisogna mostrare la saggezza del fare nuove scelte, riguardo alle abitudini e stili di vita e dipendenze chimiche, che li condurrebbero a vivere in maniera più sana per il resto della loro vita.

Per questa sfida occorre tempo ed il tempo sia dei medici convenzionali che dei professionisti alternativi è piuttosto costoso e in tempo di crisi la  maggior parte dei pazienti non può permetterselo o non vuole spendere  cifra enormi. Mantenersi in salute  richiede un impegno maggiore di quello di ingoiare una pillola o di bere una tisana, è faticoso smettere di bere il caffè ogni mattina, o smettere di fumare, o eliminare lo zucchero raffinato, le bibite gasate, o il pane bianco ed altri alimenti raffinati, ecc.  E così si continuerà a far visita al proprio medico in cerca della pillola risolutiva. La medicina alternativa non è migliore della medicina convenzionale se, se  ne fa uso come soluzione provvisoria per una serie di sintomi generati dal non volere fare i cambiamenti che conducono ad una salute di lunga durata. Allora perché una vera vittoria avvenga bisognerebbe aiutare una persona a vincere le malattie partendo dal presupposto che ognuno genera le malattie che deve affrontare anche con un modo di vivere che certamente non favorisce la salute.  Ogni paziente è unico. E’ un po’ diverso dal riparare il motore di un’automobile.

Nel frattempo sarebbe auspicabile che invece di una lotta per la supremazia di una o dell’altra parte, si cercasse una collaborazione, perché in questo caso a guadagnarci sarebbero i pazienti.

Annunci

9 thoughts on “Tradizionale o alternativa? Pareri a confronto

  1. Firma per una Legge POPOLARE Sulle Medicine Non Convenzionali.

    Il percorso per il riconoscimento delle medicine non convenzionali ha seguito sino ad oggi un lungo iter parlamentare, senza giungere ancora alla creazione di un quadro normativo nazionale.

    Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del Naturopata e dell’operatore delle Discipline Bio-Naturali. Esistono solo delle leggi regionali.

    Per questo motivo è nato un Progetto Popolare :
    Una Legge POPOLARE Sulle Medicine Non Convenzionali
    Vuoi aiutarci ? Firma subito ! Hanno già firmato 22.000 persone.
    http://www.UnaLeggePerLeMedicineNonConvenzionali.it

    Grazie di cuore a tutti.
    Emanuel Celano

  2. Le uniche cure alternative che mi hanno davvero giovato sono state quelle omeopatiche ma soprattutto l’agopuntura ( miracoloso per certe lombaggini anche con ernia),in entrambi i casi pero’ dipende molto da chi li pratica ..anche qui i ciarlatani abbondano..
    ciao

  3. In tuttte le discipline al servizio dell’uomo dovrebbe imperare il concetto del “servizio all’uomo e per l’uomo”,quando subentrano altri parametri, come l’interesse economico, il livello automaticamente scade – ciao e grazie

  4. Al solito hai scritto molto bene. La medicina dovrebbe essere complementare e bisognerebbe che la medicina accademica, peraltro indispensabile, abbassasse un po’ la cresta. Non ci sarebbe niente di male se “gli Accademici” si levassero il paraocchi. Purtroppo per le grosse case farmaceutiche la dolce medicina fa incassare poco.

  5. E come al solito tu hai chiosato, altrettanto, bene – grazie del contributo e ciao

  6. trepidante…attesa! ariciao

  7. http://sanguisugheamedicinalis.blogspot.com Principali benefici terapeutici del sanguisuga non sono derivati ​​dalla media 5 ml di sangue prelevati durante mordere (anche se questo può fornire sollievo drammatica in un primo momento), ma dalla anticoagulante e vasodilatatore contenute nella saliva sanguisuga. Queste proprietà consentono la ferita trasudare fino a 50 ml di sangue per fino a 48 ore. Morsi Leech sanguinare (melma) una media di sei (6) ore. L’obiettivo quindi è quello di produrre un adeguato deflusso venoso dal tessuto regolando il numero di applicazioni sanguisuga e quindi mordere ferite per soddisfare le applicazioni cliniche; per esempio, 6 punture di sanguisughe in grado di produrre fino a 300 mls trasudano venosa totale. Terapia di sanguisuga è di solito necessario per 3-7 giorni, fino a nuova crescita interna nave intorno margini del lembo sviluppa a sufficienza per ripristinare il drenaggio venoso efficace.

    Tuttavia, dal momento che alcuni casi sono stati conosciuti per prendere 10 giorni o più, è importante che il trattamento sia continuato per un periodo di tempo sufficiente per evitare il fallimento. Terapia di sanguisuga deve essere continuo finché segni di insufficienza venosa persistono tra le applicazioni sanguisuga. Quando la pelle rimane rosa dopo sanguisuga stillicidio venoso cessa, terapia di sanguisuga può essere fermato.

    La capacità della sanguisuga morso ferita per continuare sanguinamento a livello locale per 24-48 ore sembra essere correlato a secrezioni farmacologicamente attive (solo non l’anticoagulante), introdotto dal morso sanguisuga. Gli sforzi per simulare questo effetto introducendo anticoagulanti convenzionali, come ad esempio l’eparina, in piccole coltellate nella pelle non hanno avuto successo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...